Il Web visto da Antonino

il Web visto da  Antonino

Europa Europa

Il web non e' sesso e perversione, ma amicizia,

amore e unione tra i popoli.

Il Cavaliere Solitario

Situazione Odierna Regioni

Situazione Italia al 05/08/2020

Situazione Regioni

Agosto

Agosto
Dati Giornalieri  Incrementi Giornalieri

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

01/08/2020

12457

35146

200229

247832

+35

+5

+255

+295

-4

02/08/2020

12456

35154

200460

248070

-1

+8

+231

+238

+3

03/08/2020

12474

35166

200589

248229

+18

+12

+129

+159

+4

04/08/2020

12482

35171

200766

248419

+8

+5

+177

+190

-7

05/08/2020

12646

35181

200976

248803

+164

+10

+210

+384

+5

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

Situazione Mondiale

Situazione Mondiale in tempo reale

05/08/2020 Ore 18.26

 

  Deceduti   Deceduti  
  Situazione   Situazione  
Stati Precedente   Attuale Totali
  al 02/08/20   al 05/08/20 706.445
★India 38.158   40.722 2.564
★Brasile 93.659   96.096 2.437
★Stati Uniti 158.108   160.491 2.383
★Messico 47.472   48.869 1.397
★Colombia 10.330   11.315 985
★Sud Africa 8.153   8.884 731
★Iran 17.190   17.802 612
★Perù 19.408   20.007 599
★Argentina 3.612   4.009 397
★Russia 14.128   14.490 362
★Kazakhstan 793   1.058 265
★Bolivia 3.064   3.320 256
★Iraq 4.868   5.094 226
★Indonesia 5.236   5.452 216
★Regno Unito 46.201   46.364 163
★Chile 9.608   9.745 137
★Bangladesh 3.154   3.267 113
★Romania 2.413   2.521 108
★Arabia Saudita 2.917   3.020 103
★Kosovo 212   296 84
★Egitto 4.834   4.912 78
★Guatemala 1.995   2.072 77
★Panama 1.449   1.522 73
★Ecuador 5.736   5.808 72
★Filippine 2.059   2.123 64
★Ucraina 1.725   1.788 63
★Spagna 28.445   28.499 54
★Ethiopia 310   356 46
★Repubblica Dominicana 1.178   1.222 44
★Australia 208   247 39
★Pakistan 5.976   6.014 38
★Turchia 5.728   5.765 37
★Marocco 382   417 35
★Honduras 1.368   1.400 32
★Moldavia 791   823 32
★Francia 30.265   30.296 31
★El Salvador 467   498 31
★Algeria 1.231   1.261 30
★Bulgaria 385   415 30
★Kyrgyzstan 1.409   1.438 29
★Israele 536   564 28
★Italia 35.154   35.181 27
★Nigeria 883   910 27
★Bosnia Erzegovina 352   379 27
★Costa Rica 154   181 27
★Polonia 1.731   1.756 25
★Serbia 590   614 24
★Kenya 369   391 22
★Canada 8.985   9.004 19
★Venezuela 169   187 18
★Uzbekistan 151   169 18
★Svezia 5.743   5.760 17
★Ghana 182   199 17
★Armenia 754   770 16
★Albania 166   182 16
★Germania 9.226   9.240 14
★Macedonia del Nord 497   511 14
★Azerbaijan 462   476 14
★Madacascar 114   127 13
★Yemen 494   506 12
★Afghanistan 1.283   1.294 11
★Sudan 752   763 11
★Kuwait 457   468 11
★Bielorussia 567   577 10
★Senegal 209   218 9
★Belgio 9.845   9.852 7
★Nicaragua 116   123 7
★Zambia 170   176 6
★Haiti 165   171 6
★Bahrain 147   153 6
★Giappone 1.011   1.016 5
★Croazia 149   154 5
★Malawi 123   128 5
★Olanda 6.149   6.153 4
★Repubblica Ceca 384   388 4
★Slovenia 120   124 4
★Portogallo 1.738   1.740 2
★Ungheria 597   599 2
★Emirati Arabi Uniti 351   353 2
★Finlandia 329   331 2
★Lussemburgo 116   118 2
★Austria 718   719 1
★Danimarca 615   616 1
★Corea del Sud 301   302 1
★Norvegia 255   256 1
★Grecia 208   209 1
★Costa d'Avorio 102   103 1
★Cina 4.634   4.634 0
★Svizzera 1.981   1.981 0
★Irlanda 1.763   1.763 0
★Oman 421   421 0
★Camerun 391   391 0
★Congo 215   215 0
★Quatar 177   177 0
★Mauritania 157   157 0
★Malaysia 125   125 0
★Mali 124   124 0

Luglio

Luglio
Dati Giornalieri  Incrementi Giornalieri

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

01/07/2020

15255

34788

190717

240760

-308

+21

+469

+182

-2

02/07/2020

15060

34818

191083

240961

-195

+30

+366

+201

+9

03/07/2020

14884

34833

191467

241184

-176

+15

+384

+223

-15

04/07/2020

14621

34854

191944

241419

-263

+21

+477

+235

+6

05/07/2020

14642

34861

192108

241611

+21

+7

+164

+192

-14

06/07/2020

14709

34869

192241

241819

+67

+8

+133

+208

+1

07/07/2020

14242

34899

192815

241956

-467

+30

+574

+137

+22

08/07/2020

13595

34914

193640

242149

-647

+15

+825

+193

-15

09/07/2020

13459

34926

193978

242363

-136

+12

+338

+214

-3

10/07/2020

13428

34938

194273

242639

-31

+12

+295

+276

+0

11/07/2020

13303

34945

194579

242827

-125

+7

+306

+188

-5

12/07/2020

13179

34954

194928

243061

-124

+9

+349

+234

+2

13/07/2020

13157

34967

195106

243230

-22

+13

+178

+169

+4

14/07/2020

12919

34984

195441

243344

-238

+17

+335

+114

+4

15/07/2020

12493

34997

196016

243506

-426

+13

+575

+162

-4

16/07/2020

12473

35017

196246

243736

-20

+20

+230

+230

+7

17/07/2020

12456

35028

196483

243967

-17

+11

+237

+231

-9

18/07/2020

12368

35042

196806

244216

-88

+14

+323

+249

+3

19/07/2020

12440

35045

196949

244434

+72

+3

+143

+218

-11

20/07/2020

12404

35058

197162

244624

-36

+13

+213

+190

+10

21/07/2020

12248

35073

197431

244752

-156

+15

+269

+128

+2

22/07/2020

12322

35082

197628

245032

+74

+9

+197

+280

-6

23/07/2020

12404

35092

197842

245338

+82

+10

+214

+306

+1

24/07/2020

12301

35097

198192

245590

-103

+5

+350

+252

-5

25/07/2020

12442

35102

198320

245864

+141

+5

+128

+274

+0

26/07/2020

12565

35107

198446

246118

+123

+5

+126

+254

+0

27/07/2020

12581

35112

198593

246286

+16

+5

+147

+168

+0

28/07/2020

12609

35123

198756

246488

+28

+11

+163

+202

+6

29/07/2020

12616

35129

199031

246776

+7

+6

+275

+288

-5

30/07/2020

12230

35132

199796

247158

-386

+3

+765

+382

-3

31/07/2020

12422

35141

199974

247537

+192

+9

+178

+379

+6

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

Giugno

Giugno
Dati Giornalieri  Incrementi Giornalieri

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

01/06/2020

41367 33475 158355 233197 -708 +60 +848 +200 -15

02/06/2020

39893 33530 160092 233515 -1474 +55 +1737 +318 -5

03/06/2020

39297 33601 160938 233836 -596 +71 +846 +321 +16

04/06/2020

38429 33689 161895 234013 -868 +88 +957 +177 +17

05/06/2020

36976 33774 163781 234531 -1453 +85 +1886 +518 -3

06/06/2020

35877 33846 165078 234801 -1099 +72 +1297 +270 -13

07/06/2020

35262 33899 165837 234998 -615 +53 +759 +197 -19

08/06/2020

34730 33964 166584 235278 -532 +65 +747 +280 +12

09/06/2020

32872 34043 168646 235561 -1858 +79 +2062 +283 +14

10/06/2020

31710 34114 169939 235763 -1162 +71 +1293 +202 -8

11/06/2020

30637 34167 171338 236142 -1073 +53 +1399 +379 -18

12/06/2020

28997 34223 173085 236305 -1640 +56 +1747 +163 +3

13/06/2020

27485 34301 174865 236651 -1512 +78 +1780 +346 +22

14/06/2020

26274 34345 176370 236989 -1211 +44 +1505 +338 -34

15/06/2020

25909 34371 177010 237290 -365 +26 +640 +301 -18

16/06/2020

24569 34405 178526 237500 -1340 +34 +1516 +210 +8

17/06/2020

23925 34448 179455 237828 -644 +43 +929 +328 +9

18/06/2020

23101 34514 180544 238159 -824 +66 +1089 +331 +23

19/06/2020

21543 34561 181907 238011 -1558 +47 +1363 -148 -19

20/06/2020

21212 34610 182453 238275 -331 +49 +546 +264 +2

21/06/2020

20972 34634 182893 238499 -240 +24 +440 +224 -25

22/06/2020

20637 34657 183426 238720 -335 +23 +533 +221 -1

23/06/2020

19573 34675 184585 238833 -1064 +18 +1159 +113 -5

24/06/2020

18655 34644 186111 239410 -918 -31 +1526 +577 -49

25/06/2020

18303 34678 186725 239706 -352 +34 +614 +296 +65

26/06/2020

17638 34708 187615 239961 -665 +30 +890 +255 -4

27/06/2020

16836 34716 188584 240136 -802 +8 +969 +175 -22

28/06/2020

16681 34738 188891 240310 -155 +22 +307 +174 +14

29/06/2020

16496 34744 189196 240436 -185 +6 +305 +126 -16

30/06/2020

15563 34767 190248 240578 -933 +23 +1052 +142 +17

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

Maggio

Maggio
Dati Giornalieri  Incrementi Giornalieri

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

01/05/2020

100943 28236 78249 207428 -608 +269 +2304 +1965 -16

02/05/2020

100704 28710 79914 209328 -239 +474 +1665 +1900 +205

03/05/2020

100179 28884 81654 210717 -525 +174 +1740 +1389 -300

04/05/2020

99980 29079 82879 211938 -199 +195 +1225 +1221 +21

05/05/2020

98467 29315 85231 213013 -1513 +236 +2352 +1075 +41

06/05/2020

91528 29684 93245 214457 -6939 +369 +8014 +1444 +133

07/05/2020

89624 29958 96276 215858 -1904 +274 +3031 +1401 -95

08/05/2020

87961 30201 99023 217185 -1663 +243 +2747 +1327 -31

09/05/2020

84842 30395 103031 218268 -3119 +194 +4008 +1083 -49

10/05/2020

83324 30560 105186 219070 -1518 +165 +2155 +802 -29

11/05/2020

82488 30739 106587 219814 -836 +179 +1401 +744 +14

12/05/2020

81266 30911 109039 221216 -1222 +172 +2452 +1402 -7

13/05/2020

78457 31106 112541 222104 -2809 +195 +3502 +888 +23

14/05/2020

76440 31368 115288 223096 -2017 +262 +2747 +992 +67

15/05/2020

72070 31610 120205 223885 -4370 +242 +4917 +789 -20

16/05/2020

70187 31763 122810 224760 -1883 +153 +2605 +875 -89

17/05/2020

68351 31908 125176 225435 -1836 +145 +2366 +675 -8

18/05/2020

66553 32007 127326 225886 -1798 +99 +2150 +451 -46

19/05/2020

65129 32169 129401 226699 -1424 +162 +2075 +813 +63

20/05/2020

62752 32330 132282 227364 -2377 +161 +2881 +665 -1

21/05/2020

60960 32486 134560 228006 -1792 +156 +2278 +642 -5

22/05/2020

59322 32616 136720 228658 -1638 +130 +2160 +652 -26

23/05/2020

57752 32735 138840 229327 -1570 +119 +2120 +669 -11

24/05/2020

56594 32785 140479 229858 -1158 +50 +1639 +531 -69

25/05/2020

55300 32877 141981 230158 -1294 +92 +1502 +300 +42

26/05/2020

52942 32955 144658 230555 -2358 +78 +2677 +397 -14

27/05/2020

50966 33072 147101 231139 -1976 +117 +2443 +584 +39

28/05/2020

47986 33142 150604 231732 -2980 +70 +3503 +593 -47

29/05/2020

46175 33229 152844 232248 -1811 +87 +2240 +516 +17

30/05/2020

43691 33340 155633 232664 -2484 +111 +2789 +416 +24

31/05/2020

42075 33415 157507 232997 -1616 +75 +1874 +333 -36

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

Aprile

Aprile
Dati Giornalieri Incrementi Giornalieri

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima
01/04/2020 80572 13155 16847 110574 +2937 +727 +1118 +4782 -110
02/04/2020 83049 13915 18278 115242 +2477 +760 +1431 +4668 +33
03/04/2020 85388 14681 19758 119827 +2339 +766 +1480 +4585 +6
04/04/2020 88274 15362 20996 124632 +2886 +681 +1238 +4805 -85
05/04/2020 91246 15887 21815 128948 +2972 +525 +819 +4316 -156
06/04/2020 93187 16523 22837 132547 +1941 +636 +1022 +3599 +111
07/04/2020 94067 17127 24392 135586 +880 +604 +1555 +3039 -32
08/04/2020 95262 17669 26491 139422 +1195 +542 +2099 +3836 -62
09/04/2020 96877 18279 28470 143626 +1615 +610 +1979 +4204 +68

10/04/2020

98273 18849 30455 147577 +1396 +570 +1985 +3951 -40

11/04/2020

100269 19468 32534 152271 +1996 +619 +2079 +4694 +49

12/04/2020

102253 19899 34211 156363 +1984 +431 +1677 +4092 -188

13/04/2020

103616 20465 35435 159516 +1363 +566 +1224 +3153 +135

14/04/2020

104291 21067 37130 162488 +675 +602 +1695 +2972 +36

15/04/2020

105418 21645 38092 165155 +1127 +578 +962 +2667 -24

16/04/2020

106607 22170 40164 168941 +1189 +525 +2072 +3786 -53

17/04/2020

106962 22745 42727 172434 +355 +575 +2563 +3493 +50

18/04/2020

107771 23227 44927 175925 +809 +482 +2200 +3491 -93

19/04/2020

108257 23660 47055 178972 +486 +433 +2128 +3047 -49

20/04/2020

108237 24114 48877 181228 -20 +454 +1822 +2256 +21

21/04/2020

107709 24648 51600 183957 -528 +534 +2723 +2729 +80

22/04/2020

107699 25085 54543 187327 -10 +437 +2943 +3370 -97

23/04/2020

106848 25549 57576 189973 -851 +464 +3033 +2646 +27

24/04/2020

106527 25969 60498 192994 -321 +420 +2922 +3021 -44

25/04/2020

105847 26384 63120 195351 -680 +415 +2622 +2357 -5

26/04/2020

106103 26644 64928 197675 +256 +260 +1808 +2324 -155

27/04/2020

105813 26977 66624 199414 -290 +333 +1696 +1739 +73

28/04/2020

105205 27359 68941 201505 -608 +382 +2317 +2091 +49

29/04/2020

104657 27682 71252 203591 -548 +323 +2311 +2086 -59

30/04/2020

101551 27967 75945 205463 -3106 +285 +4693 +1872 -38

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

Marzo

Marzo
Dati Giornalieri Incrementi Giornalieri

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

01/03/2020

1577 34 83 1694 +528 +5 +33 +566 -3
02/03/2020 1835 52 149 2036 +258 +18 +66 +342 +13
03/03/2020 2263 79 160 2502 +428 +27 +11 +466 +9
04/03/2020 2706 107 276 3089 +443 +28 +116 +587 +1
05/03/2020 3296 148 414 3858 +590 +41 +138 +769 +13
06/03/2020 3916 197 523 4636 +620 +49 +109 +778 +8
07/03/2020 5061 233 589 5883 +1145 +36 +66 +1247 -13
08/03/2020 6387 366 622 7375 +1326 +133 +33 +1492 +97
09/03/2020 7985 463 724 9172 +1598 +97 +102 +1797 -36
10/03/2020 8514 631 1004 10149 +529 +168 +280 +977 +71
11/03/2020 10590 827 1045 12462 +2076 +196 +41 +2313 +28
12/03/2020 12839 1016 1258 15113 +2249 +189 +213 +2651 -7
13/03/2020 14955 1266 1439 17660 +2116 +250 +181 +2547 +61
14/03/2020 17750 1441 1966 21157 +2795 +175 +527 +3497 -75
15/03/2020 20603 1809 2335 24747 +2853 +368 +369 +3590 +193
16/03/2020 23073 2158 2749 27980 +2470 +349 +414 +3233 -19
17/03/2020 26062 2503 2941 31506 +2989 +345 +192 +3526 -4
18/03/2020 28710 2978 4025 35713 +2648 +475 +1084 +4207 +130
19/03/2020 33190 3405 4440 41035 +4480 +427 +415 +5322 -48
20/03/2020 37860 4032 5129 47021 +4670 +627 +689 +5986 +200
21/03/2020 42681 4825 6072 53578 +4821 +793 +943 +6557 +166
22/03/2020 46638 5476 7024 59138 +3957 +651 +952 +5560 -142
23/03/2020 50418 6077 7432 63927 +3780 +601 +408 +4789 -50
24/03/2020 54030 6820 8326 69176 +3612 +743 +894 +5249 +142
25/03/2020 57521 7503 9362 74386 +3491 +683 +1036 +5210 -60
26/03/2020 62013 8165 10361 80539 +4492 +662 +999 +6153 -21
27/03/2020 66414 9134 10950 86498 +4401 +969 +589 +5959 +307
28/03/2020 70065 10023 12384 92472 +3651 +889 +1434 +5974 -80
29/03/2020 73880 10779 13030 97689 +3815 +756 +646 +5217 -133
30/03/2020 75528 11591 14620 101739 +1648 +812 +1590 +4050 +56
31/03/2020 77635 12428 15729 105792 +2107 +837 +1109 +4053 +25

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

Febbraio

Febbraio
Dati Giornalieri Incrementi Giornalieri

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

24/02/2020

221 7 1 229 +0 +0 +0 +0 +0

25/02/2020

311 10 1 322 +90 +3 +0 +93 +3

26/02/2020

385 12 3 400 +74 +2 +2 +78 -1

27/02/2020

588 17 45 650 +203 +5 +42 +250 +3

28/02/2020

821 21 46 888 +233 +4 +1 +238 -1

29/02/2020

1049 29 50 1128 +228 +8 +4 +240 +4

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

domenica 5 luglio 2020

Coronavirus: gli anticorpi prodotti dai guariti diminuiscono in tre mesi

Uno studio di modeste dimensioni, ma pubblicato sulla rivista scientifica , solleva qualche preoccupazione in merito alla durata della protezione che svilupperebbe chi guarisce dal Covid-19. Secondo la ricerca, condotta in Cina da un gruppo dell’Università medica di Chongqing (una filiale del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie), i livelli di anticorpi nei pazienti guariti diminuiscono rapidamente: in 3 mesi di oltre il 70%.

Forte calo dopo 3 mesi

Per l’analisi sono stati presi in esame 37 pazienti sintomatici e 37 pazienti asintomatici: oltre il 90% dei soggetti ha mostrato in 2-3 mesi un forte calo di anticorpi IgG , quelli che mostrano che il nostro corpo è venuto in contatto con l’infezione e che teoricamente ci proteggono dal riprendere il Covid-19. La riduzione percentuale mediana è stata di oltre il 70%, sia per i pazienti sintomatici che per quelli asintomatici. Inoltre, il 40,0% degli individui asintomatici (e il 12,9% degli individui sintomatici) è diventato anche sieronegativo per le IgG, in pratica non le aveva più.

Gli anticorpi e i test sierologici

Parliamo degli anticorpi legati al virus che anche in Italia attualmente si cercano con i test sierologici: sono le IgM (Immunoglobuline M), che si manifestano entro 7 giorni circa dalla comparsa dei sintomi e permettono di confermare la diagnosi di infezione, e le IgG (Immunoglobuline G), prodotte dopo circa 14 giorni, che sono la nostra «memoria immunitaria», ci dicono che in passato siamo venuti in contatto con il virus e ci proteggono dallo stesso anche se, nel caso del Sars-CoV-2, non sappiamo bene per quanto tempo e in quale misura. Per questo lo studio cinese è un campanello di allarme e fa riemergere i rischi legati all’uso dei « passaporti di immunità».

Cosa sappiamo finora

Per ora sappiamo con qualche certezza chePare anche che questi anticorpi siano neutralizzanti, cioè in grado di respingere attacchi futuri del virus. Ancora non sappiamo quanto dura l’immunità che concedono. Se dovessimo far fede a questo studio diremmo «mesi». La speranza è quella che il SARS-CoV-2, invece, si comporti come gli omologhi coronavirus SARS e MERS che rispettivamente producono anticorpi protettivi per 2 anni e 34 mesi. Il problema ulteriore legato a questo specifico virus è che la stragrande maggioranza delle persone o non presenta sintomi o si ammala in modo bla ndo: in questo caso non sappiamo se la risposta immunitaria indotta, di cui la presenza di anticorpi è una spia, sia davvero protettiva o se queste persone rischiano una nuova infezione. Per avere maggiori certezze sulla durata della protezione non resta che continuare gli studi epidemiologici e ripetere i test sierologici per la rilevazione di anticorpi a scadenza fissa, ad esempio ogni tre mesi per chi fosse risultato positivo alle IgG.

Il coronavirus è mutato e si diffonde più velocemente

Un nuovo ceppo di coronavirus più contagioso si sta diffondendo in tutto il mondo. La nuova mutazione rende il virus più facilmente trasmissibile ma non sembra che lo renda più aggressivo. La notizia è contenuta nei risultati di uno studio condotto da un team internazionale, che sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cell. La scoperta è arrivata dai ricercatori del Los Alamos National Laboratory nel New Mexico e della Duke University in North Carolina, entrambi statunitensi. Con loro ha collaborato l'Università di Sheffield, in Gran Bretagna. Il coronavirus è mutato, ma fortunatamente non sembra essere più aggressivo della versione precedente.

Il coronavirus è mutato: ecco perché in America si sta diffondendo così rapidamente

Il nuovo studio si basa anche su una ricerca firmata da tre italiani. Si tratta di Roberto Cauda, professore di Malattie infettive all'Università Cattolica di Roma, Massimo Ciccozzi, responsabile dell'Unità di Statistica Medica ed Epidemiologia Molecolare dell'Università Campus Bio-Medico di Roma e Antonio Cassone, docente di Microbiologia dell'Università di Perugia.

La nuova variante si chiama G614. Si differenzia dalla precedente perché ha migliorato la capacità del virus di penetrazione nelle cellule umane, che gli sono necessarie per potersi riprodurre. Diversi campioni analizzati in laboratorio dimostrano che ormai sia questo il ceppo dominante. Va sempre ricordato che i virus coltivati in laboratorio reagiscono diversamente al virus in un ambiente normale.

«È ormai la forma dominante che sta infettando le persone in Europa e negli Stati Uniti» ha spiegato alla Cnn Erica Ollmann Saphire, tra gli autori dello studio. «Ora è questo il virus».

Sequenziato il nuovo genoma

I ricercatori non si sono limitati a controllare più sequenze genetiche del coronavirus, ma hanno condotto anche esperimenti coinvolgendo persone, animale e cellule in laboratorio. Grazie a questi test hanno potuto confermare che questa nuova variane è più infettiva di quella precedente.

Il gruppo di lavoro ha testato dei campioni prelevati da pazienti europei e statunitensi. Ha poi sequenziato il genoma. Successivamente ha confrontato questi genomi con quelli precedenti. In questo modo hanno scoperto la nuova variante del coronavirus.

Il coronavirus è mutato: fondamentali mascherine e distanziamento sociale

La nuova versione sempre essere capace di moltiplicarsi più velocemente nelle prime vie aeree, quindi naso, cavo orale e gola. Questo spiegherebbe perché è più contagioso. L'analisi di 1.000 campioni di pazienti ricoverati negli ospedali britannici ha però dimostrato che non dà sintomi peggiori rispetto alla precedente versione. In particolare, il "nuovo" coronavirus è dalle tre alle nove volte più infettivo della forma precedente.

Visti i risultati, gli esperti continuano a raccomandare l'uso dellemascherine e il distanziamento sociale.

mercoledì 1 luglio 2020

Covid 19: i raggi ultravioletti possono inibire il coronavirus

Basta una luce ultravioletta a lunghezza d’onda corta, o a radiazione UV-C per igienizzare le superfici contaminate dal coronavirus. Si tratta della luce prodotta da lampade a basso costo al Mercurio, che sono già utilizzate ad esempio negli acquari per mantenere l’acqua senza agenti patogeni. La conferma arriva da una ricerca sperimentale condotta da un team multisciplinare. Sono stati della partita ricercatori dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), dell’Università Statale di Milano, dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Minalo (INT) e dell’IRCCS Fondazione Don Gnocchi. Da tempo gli scienziati stanno indagando sul rapporto tra Covid e raggi ultravioletti. Da una parte per comprendere come aiutare a sanificare le superfici, dall'altra per capire se il sole caldo possa aiutare a rallentare la diffusione del coronavirus.

Covid e raggi ultravioletti: quanti ne servono per essere efficaci?

È noto già da tempo il potere germicida della luce UV-C su batteri e virus. Questa avviene perché questa luce riesce a rompere i legami molecolari di DNA e RNA che costituiscono questi microorganismi. Diversi sistemi basati su luce UV-C sono già utilizzati per la disinfezione di ambienti e superfici in ospedali e luoghi pubblici. È però la prima volta che i ricercatori hanno stabilito la misura diretta della dose di raggi UV necessaria per rendere innocuo il virus.

Il team di ricerca ha illuminato con questa luce soluzioni a diverse concentrazioni di virus. In questo modo hanno scoperto che è sufficiente una dose molto piccola (in termini tecnici – 3.7 mJ/cm 2), del tutto uguale a quella emessa per qualche secondo da una lampada UV-C posta a qualche centimetro dal bersaglio, per rendere innocuo il virus. Ma c'è di più. Questa piccola dose è sufficiente anche per le alte concentrazioni di virus. Il dato è particolarmente importante perché imprenditori, ma anche i gestori di locali potranno utilizzare questo strumento per sanificare i propri locali.

Coronavirus e raggi solari: cosa succede con il solleone?

Grazie ai risultati di questo studio, i ricercatori hanno anche avuto strumenti per validare un'altra situazione importante del rapporto tra Covid e i raggi ultravioletti. Hanno fatto questo analizzando uno studio parallelo che indaga il modo in cui i raggi ultravioletti emessi dal Sole possano incidere sulla pandemia. La ricerca è stata coordinata da INAF e Università degli Studi di Milano. L'ipotesi di partenza è che gli ultravioletti naturali possano inattivare il virus presente in aerosol nell'aria, attraverso le goccioline di Flūgge o droplet. Il team di lavoro ha confermato che specie in estate quando le emissioni solari sono molto forti sono sufficienti pochi minuti perché la luce ultravioletta del Sole riesca a rendere inefficace il virus. Questa ipotesi è già stata dimostrata dal Laboratorio di Biodifesa del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

“Il nostro studio sembra spiegare molto bene come la pandemia di Covid-19 si sia sviluppata con più potenza nell’emisfero nord della Terra durante i primi mesi dell’anno e ora stia spostando il proprio picco nei Paesi dell’emisfero sud, dove sta già iniziando l’inverno, attenuandosi invece nell’emisfero nord”. Fabrizio Nicastro è ricercatore INAF.

Coronavirus, le zanzare assolte. Non lo trasmettono

Fastidiose sono fastidiose. Ma almeno non sono a rischio di trasmettere il Coronavirus. Lo aveva già detto l'Oms e adesso lo ribadisce il nostro Istituto superiore di Sanità, con uno studio condotto da entomologi e virologi, in collaborazione con l'Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie. E il verdetto è che non deve esserci nessun timore di trasmissione del Sars-Cov-2 attraverso le zanzare, né da parte della tigre (Aedes albopictus), che punge anche di giorno, né da parte di quella "comune" (Culex pipiens). Tutte e due non sono in grado di trasmettere il coronavirus.

Lo studio ha valutato, attraverso prove di infezione sperimentale, la capacità di comportarsi da vettori dell'infezione delle due specie di zanzare. E ha dimostrato che il virus, una volta penetrato all'interno della zanzara mediante 'un pasto' di sangue infetto, non è in grado di replicarsi e quindi di essere successivamente inoculato dalla zanzara attraverso una puntura e dunque trasmesso.

I risultati definitivi, che saranno pubblicati a breve dall'Iss e dall'Izsve, forniranno quell'evidenza sperimentale, finora ipotizzata in teoria, che permetterà di escludere in modo scientifico il coinvolgimento delle zanzare nella possibile trasmissione del Coronavirus, rispondendo in modo chiaro e definitivo alle preoccupazioni legate al ruolo delle zanzare nella trasmissione di numerose malattie. Preoccupazioni rese ancora più attuali dall'emergenza Covid-19 e dall'inizio della stagione calda.

mercoledì 17 giugno 2020

Quel farmaco da soli 6 euro che salva le vite da Covid-19

Una nuova speranza contro il Covid-19 arriva dalla Gran Bretagna. Si tratta di un farmaco steroide a buon mercato e facilmente reperibile dalla popolazione. È il "cugino" di cortisolo e cortisone, ma presenta meno effetti collaterali e da decenni è usato per curare patologie reumatiche, dermatologiche, ematologiche e neoplastiche, fino ai disturbi respiratori come l'asma.

Gli scienziati hanno definito la scoperta (anche se il farmaco è in uso dagli anni '60) come un importante passo avanti nella lotta alla sopravvivenza per migliaia di malati gravi, colpiti dal nuovo coronavirus. A renderlo noto è stato il minitro della Salute, Mart Hancock, che ha annunciato l'inizio immediato della somministrazione di desametasone ai pazienti affetti da nuovo coronavirus. Secondo quanto riporta Agi, infatti, uno studio avrebbe dimostrato che lo sterodie è servito per salvare la vita a "un terzo dei casi più gravi". I risultati sono derivati da una sperimentazione fatta su 2mila pazienti, contrapposti ad altre 4mila persone assistite senza l'utilizzo del farmaco, come precisa Repubblica. I dati, sviluppati dai ricercatori guidati da un team dell'Università di Oxford, mostrano che "dal 40% al 28%" dei pazienti sottoposti a ventilazione polmonari si sarebbero salvati grazie allo steroide, che ha ridotto i decessi del 35%, mentre per quelli sottoposti ad ossigenazione non invasiva i morti evitati grazie al farmaco sarebbero stati pari a un quinto. Si tratta di risultati preliminari, ma incoraggianti.

Il meccanismo alla base del farmaco è quello già considerato il più efficace nei casi più gravi di Covid-19 e contrasta la tempesta di citochine, cioè la violenta reazione immunitaria che l'organismo può scarenare quando entra in contatto con il Sars-CovV-2 e che porta spesso al decesso. Sembra che lo steroide riesca a fermare la tempesta immunitaria, prima che questa devasti gli organi del corpo del paziente colpito.

Il potenziale dello steriode sembra essere diventato evidente circa tre mesi fa e da quel momento la Gran Bretagna avrebbe iniziato ad accumularlo. Il suo potenziale è noto anche in Italia, tanto che alcuni ospedali lo hanno inserito nelle linee guida dei possibili trattamenti da marzo.

Il desametasone, inoltre, è un farmaco molto economico, che costa circa 5 sterline (6 euro) e che può essere facilmente reperito dalla popolazione: "Il desametasone è economico, disponibile e può essere utilizzato immediatamente per salvare vite umane in tutto il mondo", ha precisato Peter Horby, professore di malattie infettive emergenti al dipartimento di Medicina di Nuffield, Università di Oxford. Il che segnerebbe un grande passo avanti nella ricerca dei farmaci utili per combattere il nuovo coronavirus.

"Il desametasone è il primo farmaco ad aver dimostrato di migliorare la sopravvivenza con il Covid-19- ha dichiarato il professor Peter Horby, dell'Università di Oxford- Questo è un risultato estremamente positivo". E ha aggiunto: "Potrebbe essere davvero una svolta".

Il nuovo farmaco sembra efficace nella lotta al nuovo coronavirus e potrebbe alimentare le speranze legate alla possibilità di sopravvivenza dei malati più gravi. Il tutto al prezzo di soli 6 euro.

martedì 16 giugno 2020

Vaccino Covid, AstraZeneca: "Costerà pochi euro, lo stiamo producendo"

"Stiamo iniziando a produrre il vaccino" per Covid-19 "a rischio", già prima degli esiti delle prove di efficacia. "AstraZeneca ha preso un impegno di produrre 2 miliardi di dosi con l'obiettivo di avere un accesso ampio, equo e senza alcun profitto durante la fase della pandemia. Posso dire che il costo del vaccino sarà di pochi euro per distribuirlo. Inizieremo verso fine anno a distribuire ed entro la fine dell'estate avremo i risultati dei test clinici di efficacia. Qualora fossero positivi, faremo il processo regolatorio e immediatamente inizieremo la distribuzione". A fare il punto è Lorenzo Wittum, presidente di AstraZeneca Italia, intervenuto ad 'Agorà' su Rai3. 

"La sperimentazione clinica - sottolinea - è ancora in corso. Fino a che non ci saranno i risultati sull'uomo", dai test "che si concluderanno a settembre, noi non potremo sapere se questo vaccino è efficace". Nella ricerca farmaceutica "funziona così", ricorda Wittum spiegando perché si parla di scommessa. "Siamo fiduciosi che funzioni - argomenta - Le prime fasi sono andate bene", però in questo momento "siamo nell'ultima fase, quella della sperimentazione su migliaia di volontari per verificare che effettivamente" il vaccino "protegga dal contagio" da coronavirus Sars-CoV-2. 

I dati, ribadisce, "li avremo a fine settembre. Abbiamo appena concluso la fase I che è la prima fase di sperimentazione sull'uomo. Un comitato indipendente di monitoraggio ha analizzato questo risultato e ha raccomandato all'autorità regolatoria inglese di iniziare la sperimentazione su larga scala. Ovviamente fino alla fine di questa non potremo sapere se il vaccino funziona, però siamo fiduciosi". "Per l'Europa sono previste 400 milioni di dosi. La popolazione europea è di circa 450 milioni di persone, quindi praticamente tutti - evidenzia il presidente di AstraZeneca Italia - Avremo diverse decine di milioni di dosi pronte prima della fine anno e poi nei primi mesi del 2021 arriveranno il resto delle dosi". Come sarà distribuito "è una decisione che dovranno prendere in Europa. I 4 Paesi dell'alleanza - Italia, Francia, Germania e Olanda - insieme all'Unione europea stanno definendo i meccanismi di allocazione".  

domenica 14 giugno 2020

Vaccino, firmato l'accordo per 400 milioni di dosi per l'Europa. Arriverà a fine anno

Italia, Germania, Francia e Olanda hanno sottoscritto l'accordo con Astrazeneca, la società che sta sperimentando il vaccino in collaborazione con l'Università di Oxford. Il ministro Speranza: "In autunno avvieremo la distribuzione della prima tranche di dosi".

martedì 9 giugno 2020

Guanti, dietrofront Oms: «Non usateli neanche al supermercato, aumenta rischio infezioni»

mascherine.e.guanti w.jpg

Tutto il contrario di quello che si pensava. Vietati i guanti. «L'Oms non raccomanda l'uso di guanti da parte delle persone, in comunità. L'uso di guanti può» infatti «aumentare il rischio di infezione, dal momento che può portare alla auto-contaminazione o alla trasmissione ad altri quando si toccano le superfici contaminate e quindi il viso». Lo chiarisce l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), in una sezione del suo sito web con domande e risposte su mascherine e guanti.

«Pertanto, in luoghi pubblici come i supermercati, oltre al distanziamento fisico, l'Oms raccomanda l'installazione di distributori di gel igienizzante per le mani all'ingresso e all'uscita. Migliorando ampiamente le pratiche di igiene delle mani, i paesi possono aiutare a prevenire la diffusione del nuovo coronavirus», ribadisce l'Oms, che raccomanda comunque sempre di «contattare le autorità locali sulle pratiche raccomandate nella propria area». «Lo dico dal primo giorno che i guanti sono inutili, finalmente ha prevalso il buonsenso». Così all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova e componente della task force Covid della Regione Liguria, commenta la decisione dell'Oms che non raccomanda più l'uso di guanti da parte delle persone, in comunità. L'uso di guanti può infatti «aumentare il rischio di infezione, dal momento che può portare alla auto-contaminazione o alla trasmissione ad altri quando si toccano le superfici contaminate e quindi il viso». 

domenica 7 giugno 2020

Covid-19 sulle superfici, il sole lo sconfigge in 7 minuti: lo studio controcorrente

Diversi studi hanno dimostrato che le alte temperature sono in grado di debilitare il virus; ora da Oxford arriva una nuova ricerca secondo la quale il sole sconfigge il Covid-19 sulle superfici in soli 7 minuti.

Basterebbero 7 minuti al Sole per sconfiggere il Covid-19 sulle seperfici. E' quanto emerge da uno studio condotto dall'Università di Oxford e pubblicato sul Journal of Infectious Diseases. La ricerca dal titolo Simulated Sunlight Rapidly Inactivates SARS-CoV-2 on Surfaces ha evidenziato come il calore del sole sia in grado di disattivare in pochi minuti gli agenti patogeni depositati sulle superfici.

Che le alte temperature fossero in grado di disattivare il virus era emerso già da diversi studi. Ora lo studio inglese evidenzia un nuovo ruolo fondamentale del Sole nella lotta al Coronavirus.

"Recenti studi hanno dimostrato che il virus del COVID-19 è stabile sulle superfici per lunghi periodi in ambienti interni" si legge nella premessa della ricerca.

Per studiare gli effetti dei raggi solari su una superficie contaminata, gli studiosi hanno ricreato artificialmente la luce e la radiazione solare, del solstizio d'estate a 40°N di latitudine, al livello del mare, in una giornata limpida.

Stando ai risultati, per i ricercatori il 90% del virus contenuto nella saliva se esposto ad una tale condizione meterologica verrebbe 'ucciso' nel giro di 6/8 minuti. Si tratta della prima prova che attesta che il Covid-19 possa essere reso inattivo sulle superfici con una certa rapidità. Anche esposizioni a luci solari minori sembrerebbero essere efficaci, anche se l'inattivazione richiede tempi più lunghi. C'è poi da sottolineare che c'è differenza tra un esposizione in ambienti esterni ed esterni  che lo studio si riferisce al virus presente su un oggetto e quindi all'esterno del corpo umano.

Una ricerca alquanto interessante e che sicuramente merita di essere approfondita. Vi invitiamo però a non affidarvi a sistemi fai da te e a seguire le linee guida del Ministero della Salute. A tal proposito sul sito si possono trovare anche le risposte alle fake news (qui). Come quella che secondo la quale una lampada a raggi ultravioletti può uccidere il nuovo coronavirus: assolutamente Falso.

"Le lampade UV non devono essere utilizzate per sterilizzare le mani o altre aree della pelle poiché le radiazioni UV possono causare irritazione"

Attualmente i metodi più sicuri per difendersi dal virus sono l'utilizzo della mascherina, il distanziamento interpersonale e lavarsi spesso le mani con acqua e sapone, oppure utilizzando una soluzione a base di alcool.

giovedì 21 maggio 2020

"Il virus resta fino a quattro giorni", la scoperta sulle mascherine

Usare le mascherine, oppure no? Quanto ci proteggono in realtà dal rischio di contrarre il Covid-19? Queste sono soltanto alcune delle domande formulate dagli italiani in questi lunghi giorni di emergenza Coronavirus.

Adesso che le misure di lockdown sono state allentate, con il conseguente avvio della Fase 2 ed il graduale ritorno alla normalità, è più che mai fondamentale saper utilizzare i dispositivi di protezione individuale indispensabili per diminuire il pericolo di contagio. In questi mesi sono state molteplici le opinioni degli esperti: se da un lato alcuni hanno sconsigliato l'utilizzo delle mascherine, ritenendole del tutto inutili se indossate da persone sane, dall'altro in molti hanno raccomandato il loro utilizzo, specialmente negli spazi chiusi.

Deciso a fare chiarezza, l'Istituto superiore di sanità (Iss) ha affrontato l'argomento in uno studio dal titolo "Raccomandazioni ad interim sulla sanificazione di strutture non sanitarie nell'attuale emergenza Covid-19" pubblicato sul proprio sito ufficiale. Nel documento, dove si trattano varie tematiche che vanno dalla pulizia di luoghi e superfici, con tanto di descrizione dei detergenti e dei disinfettanti da impiegare, fino alle varie procedure di sanificazione a disposizione, si parla anche di mascherine, caldamente consigliate nella Fase 2.

Il gruppo di ricerca si è particolarmente interessato al tempo di permanenza del virus sui dispositivi, una volta entrato in contatto con essi. Il risultato è sconcertante. Sulla carta il Coronavirus è in grado di resistere al massimo 30 minuti, sui tessuti e sul legno un giorno, su banconote e vetro 2 giorni, ma sulle mascherine protettive può restare dai 4 ai 7 giorni. Necessario fare un distinguo. Dallo studio è emerso che il Covid-19 può infettare lo stato interno delle mascherine chirurgiche fino a 4 giorni, mentre lo strato esterno può restare contaminato fino a 7 giorni. Per questa ragione, dunque, è importante essere scrupolosi.

"I dati riportati sono il frutto di evidenze di letteratura scientifica, ma vanno declinati in base alle situazioni ambientali. Ad esempio, i Coronavirus resistono meglio a temperature basse e in ambienti umidi. Il fatto che sopravvivono, inoltre, non significa di per sé che trasmettano la malattia: se ci sono poche particelle virali, infatti, la carica infettante è minore", ha spiegato a Tgcom24 il professor Paolo D'Ancona, epidemiologo dell'Iss. "Purtroppo, però, non si conosce quale sia la dose minima per infettare, anche perché dipende dalle difese immunitarie dei singoli individui. Pertanto, bisogna stare sempre molto attenti", ha aggiunto. È molto importante, ha proseguito il medico, saper trattare nel modo giusto i dispositivi di protezione, una volta utilizzati. "Le mascherine lavabili vanno usate una volta sola e poi messe subito in lavatrice, senza poggiarle sui mobili. Quelle monouso vanno gettate nella raccolta indifferenziata subito dopo l'utilizzo. In entrambi i casi vanno toccate solo sugli elastici, lavandosi prima e dopo le mani. Attenzione infine a non gettarle a terra, il rischio infettivo è minimo ma l'impatto sull'ambiente è alto", ha dichiarato.

Quanto alle procedure di pulizia di oggetti e/ambienti, il documento dell'Iss tratta anche le varie metodologie, che vanno dalla più semplice detersione fino alla sanificazione, alla disinfezione ed alla sterilizzazione. Si tratta di termini decisamente più noti in ambito sanitario. Ciò che è importante tenere a mente è che ogni procedura ha inzio dalla detersione, che consiste nel rimuove lo sporco e parte dei microrganismi sia attarverso un'azione meccanica che con l'utilizzo del detergente. Si procede quindi alla sanificazione, un"complesso di procedimenti e operazioni di pulizia e/disinfezione che comprende anche il mantenimento della buona qualità dell'aria con il ricambio in tutti gli ambienti". Con disinfezione, invece, si intende il trattamento di oggetti e superfici con prodotti studiati per abbattere la carica microbica.

Per il trattamento delle mascherine chirurgiche, il Koch Institute ha proposto come soluzione il vapore secco (calore) per 30 minuti.

Coronavirus, uno studio: «Le macchie sulla pelle? Una spia dell’infezione prima che si manifesti»

Lo studio di un gruppo di ricercatori della Clinica dermatologica dell’Università degli Studi di Milano, appena pubblicato su Acta dermatologica, American Journal Dermatopathology e Journal of Dermatological Science ha analizzato i tessuti cutanei durante le varie fasi della malattia da Covid 19. «La cute può essere una “spia” dell’ infezione in atto che non si è ancora manifestata — spiega il professor Raffaele Gianotti, dermatopatologo,uno degli autori della ricerca insieme agli immunopatologi del Policlinico Cà Granda — ma può comparire anche durante lo stadio conclamato della malattia. Nella maggioranza degli adulti le macchie sulla pelle scompaiono in poco tempo insieme al virus mentre le lesioni cutanee piu pericolose si manifestano in pazienti ricoverati in terapia intensiva con gravi danni a polmoni e reni. I bambini, invece, possono presentare lesioni rosso vivo alle dita dei piedi senza mostrare i minimi segni sistemici dell’infezione».

Come avete scoperto i sintomi cutanei da Covid 19 ? «Quando ho saputo che un mio collega era stato ricoverato per polmonite da Covid con associata una malattia della pelle, mi sono tornati in mente due casi di pazienti immunodepressi per tumore, visti un mese prima, che al microscopio mostravano strane anomalie».

E cosa siete andati a indagare? «La cute patologica fornisce tutti gli indizi per risolvere l’enigma diagnostico. Ma questo virus è subdolo: si manifesta con i caratteri di comuni malattie della pelle come l’orticaria o l’esantema che è un arrossamento della cute generalizzato. In pratica utilizza gli “schemi di gioco” di malattie cutanee ben note e fa in modo di alterare il sistema immunitario che si rivolta contro le stesse cellule della pelle e di altri organi interni».

La malattia della pelle può dunque misurare la gravità dell’infezione? «Esatto, nel 95% del casi è un “termometro” che avverte di un probabile attacco virale in atto. Vediamo ogni giorno al microscopio malattie della cute in pazienti asintomatici per polmonite e febbre che mostrano inequivocabilmente il marchio del Covid».
 

Si parla di strane macchie rosse che colpiscono mani e piedi di bambini o giovani adulti. Di cosa si tratta? «Sono arrossamenti o noduli rossi della cute che definiscono un disturbo chiamato “eritema pernio” (gelone) dovuto al fatto che il virus produce un danno ai vasi sanguigni della pelle».

«Se vi compare l’acne non pensate di essere infetti. Se invece avete febbre, tosse e macchie rosse sulla pelle, andate subito dal dermatologo. Curiosamente, mio padre Ferdinando 65 anni fa ha scoperto una malattia della pelle, dovuta al virus dell’epatite che oggi porta il suo nome».

mercoledì 20 maggio 2020

"Né gusto né olfatto: così si scova il Covid"

Niente gusto, né olfatto. Due sintomi sottovalutati e a lungo proprio sconosciuti del Covid-19, che hanno fatto sì che diverse persone trasportassero il virus senza saperlo. E invece, in questa fase 2 dove la ’caccia’ agli asintomatici diventa fondamentale per la lotta contro la diffusione del contagio, lo studio che li identifica e rivela ha importanza nazionale, e non solo.

Ora infatti, lo Studio Osservazionale dei danni da Covid 19 su gusto e olfatto, promosso dall’Ausl e condotto dalla dottoressa Marzia Petrocelli, chirurgo maxillo facciale della Rete chirurgia volto e odontoiatria dell’ospedale Bellaria, diretta dalla dottoressa Anna Maria Baietti, potrebbe comportare una vera e propria svolta nella caccia al Covid, ribaltando quasi completamente i dati emersi da uno studio simile condotto a fine febbraio a Wuhan, in Cina. Uno studio preliminare multicentrico (con Bologna ci sono i centri di Sassari e Salerno), basato sull’analisi di un campione composto da diverse centinaia di operatori sanitari – medici, infermieri od operatori socio-sanitari – in isolamento domiciliare perché risultati positivi al Covid. Alcuni di questi lo hanno scoperto soltanto quando, ad aprile, sono partiti i test sierologici a tappeto, "e così hanno ricostruito come, anche più di un mese prima, avevano avuto questi sintomi ’campanello d’allarme’", rivela la dottoressa Baietta.

Non veri e propri asintomatici, quindi, ma "paucisintomatici. L’anosmia (mancanza di odorato) e l’ageusia (mancanza del gusto), secondo il nostro studio, compaiono nel 70% dei pazienti affetti da Covid-19 e per la maggior parte di loro costituisce il primissimo sintomo della malattia". Dunque, un alert importantissimo soprattutto in questo post-lockdown: fare caso a questa mancanza di gusto od olfatto, non scambiandola per un raffreddore, può portare a una tempestiva identificazione del virus, con conseguente isolamento dell’infetto, evitando così che il contagio si allarghi. Secondo lo studio, all’incirca nel 30% dei casi anosmia e ageusia sono stati i primi sintomi del Covid, mentre per il 5% sono stati gli unici, perciò, molto spesso, sono stati sottovalutati o non riconosciuti.

"Siamo stati i primi a raccogliere e analizzare i dati su questi sintomi, peraltro durante la fase 1, quando la pandemia era al culmine e c’era poco tempo per occuparsi di questi studi – rivela la dottoressa Petrocelli –. Ma così facendo abbiamo fatto questa importante scoperta, stravolgendo analoghi studi cinesi, che ritenevano invece come solo il 5% circa dei pazienti accusasse i sintomi in esame. Invece, noi abbiamo scoperto come siano invece estremamente diffusi e per di più precoci e molto specifici. Questo potrà avere un ruolo decisivo nella prevenzione del contagio". Il campione dello studio, composto da operatori sanitari, è stato selezionato perché ritenuto più attendibile nel comprendere e rispondere ai quesiti posti, essendo, di fatto, ’del mestiere’.

"Dalle nostre analisi emerge come le papille gustative si riattivino solitamente dieci giorni dopo la fase acuta della malattia, anche se in alcuni casi uno dei due sintomi si è protratto anche per 30-40 giorni – rivela la dottoressa Baietti –. Questa poi è solo una prima fase dello studio: successivamente approfondiremo se vi sia un legame tra la durata del sintomo e l’infettività del paziente Covid positivo".

 

mercoledì 6 maggio 2020

Dagli antivirali al plasma così si cura il Covid (adesso anche a casa)

Antivirali e antibiotici di copertura. Con l’aggiunta dell’eparina, a basso o medio dosaggio. Oppure, in altri casi, il protocollo indicato come “standard” da molti Ordini dei medici regionali e impiegato dalle task force che sul territorio visitano a domicilio i pazienti coi primi sintomi di Covid-19: una combinazione tra l’antimalarico idrossiclorochina, gli antivirali e l’azitromicina, per cicli da 14 giorni, accompagnati dal monitoraggio costante dell’ossigenazione tramite saturimetro. Ancora: antinfiammatori, anticorpi monoclonali, la “carta” del plasma dei guariti, che tanto rumore sta facendo in queste ore dopo le rivelazioni degli infettivologi di Mantova e Pavia.

I tentativi. Ci si è arrangiati, nelle ultime settimane, sulla prima linea dell’epidemia. Prima sperimentando, a seconda delle condizioni dei pazienti che si presentavano in corsia o che chiedevano aiuto da casa. Poi mettendosi in rete – ospedali e medici di famiglia –, entrando in chat o canali web che univano il Nord col Sud e in cui ci si scambiavano informazioni e risultati. Infine spingendosi a mettere nero su bianco protocolli di cura basati sull’espe- rienza, da adattare alle situazioni diverse di ogni malato, anche in base ai risultati delle decine di sperimentazioni messe via via in campo dalle autorità sanitarie (ieri il via libera del-l’Aifa a 5 nuovi test su altrettanti farmaci). «Nella Fase 2 in realtà entriamo ancora con poche certezze sul fronte delle cure – spiega Giovanni Di Perri, responsabile delle Malattie infettive all’Amedeo di Savoia di Torino –. Per esempio proprio sull’idrossiclorochina siamo in una fase di raffreddamento, visti gli esiti poco confortanti degli ultimi trial clinici». Il farmaco, comunemente utilizzato per la profilassi antimalarica, attualmente è fra i più utilizzati contro il Covid in ogni parte del mondo e in Italia è stato più volte indicato come decisivo nella cura dei pazienti, specie se somministrato alla prima comparsa dei sintomi (all’ospedale di Piacenza, in particolare, secondo i dati raccolti nel reparto di Ematologia il 90% dei 209 pazienti trattati avrebbe avuto risultati positivi). «La verità – continua Di Perri – è che viene utilizzato a dosaggi molto alti, presenta un’alta possibilità di reazioni avverse e se pure ha la capacità, come nel caso dell’azitormicina, di penetrare nelle cellule andando a combattere direttamente lì il virus, impiegarlo assomiglia a un atto di fede. Lo abbiamo fatto, in alcuni casi continuiamo a farlo, ma senza essere sicuri che funzioni davvero». Capire se un farmaco funziona col coronavirus in tempi rapidi, d’altronde, è complicatissimo: «Con una mortalità che si aggira in condizioni normali, e senza tutte le variabili a cui abbiamo assistito nel nostro Paese, attorno al 2% diventa quasi impossibile – continua Di Perri – stabilire l’efficacia di una cura. Diverso è con un virus come Ebola, per esempio, che conta su un 50% di mortalità: in quel caso se sperimento un farmaco su 10 pazienti e ne muoiono comunque 5, non funziona, se osservo una riduzione della mortalità ho invece un dato immediatamente utile». E il tempo è la variabile decisiva per convivere col virus: prima e più in fretta si riuscirà a individuare cosa funziona, come e quando, prima e più in fretta la pericolosità del virus potrà essere “scongiurata” e il sistema sanitario messo in sicurezza anche da un’eventuale seconda ondata di contagi.

Gli antivirali. Dell’utilità degli antivirali, e in particolare del Remdesivir (il farmaco anti-Ebola capace, sulla carta, di inibire la replicazione del Sars-Cov-2), è da sempre convinto sostenitore Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive al San Martino di Genova: «Risultati positivi noi ne abbiamo già visti, ma il punto qui è un altro – chiarisce – e cioè che dall’anedottica ora dobbiamo passare alla medicina dell’evidenza. Servono sperimentazioni che ci dicano con chiarezza cosa funziona e quando è il momento di somministrarlo». Proprio al San Martino in queste ore – e in altri 19 ospedali italiani – è partito il trial Solidarity, uno studio per la sperimentazione del Remdesivir voluto dall’Organizzazione mondiale della sanità. «È un passo importante – continua Bassetti –. Fin qui i medici si sono assunti responsabilità pesantissime e dirette nell’impiego di terapie coi malati di Covid, valutando di volta in volta come comportarsi. Ci troviamo davanti, d’altronde, a una malattia che ha 4 mesi di vita. Ci siamo confrontati tra colleghi ovviamente, ci siamo impratichiti. Presto ci aspettiamo di avere evidenze, e questo vale anche per l’uso dell’idrossiclorochina, su cui ancora molti studi sono contrastanti».

Antibiotici ed eparina. Sull’uso di antibiotici in accompagnamento alle terapie anti-Covid e dell’eparina sono invece tutti d’accordo. «I primi vengono prescritti innanzi a casi già conclamati di polmonite per evitare super-infezioni» precisa Francesco Beguinot, professore ordinario di Patologia Clinica dell’Università Federico II Di Napoli e Direttore del Dipartimento di Medicina Interna, Immunologia Clinica, Patologia Clinica e Malattie Infettive del Policlinico universitario. «L’eparina invece, che è un trattamento standard impiegato nelle coagulopatie, dimostra risultati incoraggianti nel quadro clinico dell’infezione da Covid-19». Dove, in sostanza, a livello polmonare si assiste allo sviluppo di microtromboembolie massive. E proprio da Napoli è partita anche l’intuizione sempre più promettente sul Tocilizumab, il farmaco impiegato nel trattamento dell’artrite reumatoide e di alcune severe infiammazioni dei grossi vasi, che di fatto dimostra di contenere la risposta infiammatoria innescata dall’infezione nelle forme più gravi: sperimentazioni (con risultati positivi) sono in corso ormai in decine di ospedali italiani.

Il plasma. Infine gli anticorpi dei guariti nella plasmaterapia, l’altra frontiera delle cure. Con il San Matteo di Pavia pioniere nelle infusioni e le rivelazioni fatte nelle ultime ore dal primario di pneumologia dell’ospedale Carlo Poma di Mantova, Giuseppe De Donno: secondo cui nei 48 pazienti arruolati «non abbiamo avuto alcun decesso anzi sono tutti guariti e ora sono a casa». Un risultato pronto ad essere pubblicato in uno studio, ma su cui la comunità scientifica nelle ultime ore si è divisa (complice la polemica politica innescata dal leader della Lega, Matteo Salvini): «Non mi sorprende che la plasmaterapia offra risultati incoraggianti – spiega ancora l’infettivologo Di Perri da Torino – : utilizza come principio l’impiego degli anticorpi formatisi nelle persone guarite. Ma serve attenzione, serve che si misurino i risultati di trial e sperimentazioni ». Il timore dei medici, cioè, è che si proceda sull’onda emotiva e che si offrano false speranze ai pazienti. Ieri, d’altronde, il tam tam mediatico sull’argomento è stato tale che di plasma si è finiti a discutere persino su WhatsApp, con i soliti messaggi complottisti circa un “piano” per osteggiarne la sperimentazione. Un po’ come era avvenuto per l’Avigan, il farmaco giapponese la cui sperimentazioni fu rocambolescamente approvata dall’Aifa a fine marzo e i cui risultati effettivi in Italia mancano ancora all’appello.