Il Web visto da Antonino

il Web visto da  Antonino

Europa Europa

Il web non e' sesso e perversione, ma amicizia,

amore e unione tra i popoli.

Il Cavaliere Solitario

 

 

agenzia seo milano

PayPal

Guestbook

Italia

Situazione Vaccini Italia

Situazione Vaccini Italia al 06/07/2022

Popolazione Italiana: 58.983.122 Come da dati Istat

Persone Vaccinate in Italia nelle ultime 24 ore I Dose: 20.699

Persone Vaccinate in Italia nelle ultime 24 ore II Dose: 1.425

Persone Vaccinate in Italia nelle ultime 24 ore III Dose: 7.913

Persone Vaccinate in Italia nelle ultime 24 ore IV Dose: 11.747

Totale Dosi Somministrate I, II, III e IV Dose: 138.339.717

Totale Persone Vaccinate in Italia II Dose: 49.932.092

Totale Persone Vaccinate in Italia III Dose: 39.808.872

Totale Persone Vaccinate in Italia IV Dose: 1.282.603

Totale Persone Vaccinate: 52.138.694

Totale Persone Vaccinate nelle ultime 24 ore: 588

In attesa II Dose: 873.534

Totale Persone da Vaccinare I, II, III e IV Dose: 6.844.428

Percentuale popolazione vaccinata: 88,39%

  Vaccini Vaccinati Vaccinati Vaccinati Vaccinati
  Dosi I Dose II Dose III Dose IV Dose
Regioni Italiane Consegnate Somministrata Somministrata Somministrata Somministrata
  Totale Totale Totale Totale Totale
  141.906.517 128.339.717 49.932.092 39.808.872 1.282.603
★Abruzzo 3.148.884 2.984.821 1.074.598 868.268 17.543
★Basilicata 1.316.537 1.276.095 457.814 368.305 6.575
★Bolzano 1.178.791 1.119.158 416.237 309.147 5.815
★Calabria 4.272.560 4.124.664 1.520.983 1.131.340 11.901
★Campania 13.208.047 12.606.461 4.633.560 3.489.872 58.257
★Emilia Romagna 10.452.877 10.567.497 3.787.448 3.048.806 175.679
★Friuli Venezia Giulia 2.848.780 2.731.556 982.055 800.595 19.476
★Lazio 14.578.063 13.583.543 4.953.989 3.968.465 117.880
★Liguria 3.533.001 3.541.728 1.279.693 1.003.216 31.190
★Lombardia 24.449.509 24.167.639 8.590.945 7.221.813 226.172
★Marche 3.558.135 3.385.252 1.224.536 981.624 18.060
★Molise 723.930 711.012 254.695 205.396 5.186
★Piemonte 10.127.893 10.237.271 3.561.668 2.984.723 278.880
★Puglia 9.679.313 9.429.856 3.424.176 2.735.899 46.801
★Sardegna 3.882.506 3.792.499 1.361.312 1.090.040 17.909
★Sicilia 10.892.430 10.464.240 3.872.615 2.813.960 35.408
★Toscana 8.954.684 8.893.178 3.207.590 2.533.527 100.378
★Trento 1.209.586 1.253.341 452.860 357.727 8.914
★Umbria 2.090.589 2.047.717 737.077 596.551 14.287
★Valle d'Aosta 281.480 279.817 97.645 84.592 1.929
★Veneto 11.518.922 1.142.372 4.040.596 3.215.006 84.363
Totali 141.906.517 128.339.717 49.932.092 39.808.872 1.282.603

Fasce Età Da vaccinare Oggi Da vaccinare Ieri Vaccinati 24H
5-11 2258300 2258433 133
12-19 623020 623103 83
20-29 406400 406483 83
30-39 732015 732084 69
40-49 1114144 1114201 57
50-59 812038 812085 47
60-69 466348 466377 29
70-79 288365 288390 25
80+ 143798 143860 62
Totali 6844428 6845016 588

Luglio 2022

Giugno 2022

Deceduti: 417

Dati Giornalieri  Incrementi Giornalieri

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

01/07/2022

929006

168425

17512580

18610011

+44217

+72

+42611

+86900

+13

02/07/2022

965564

168488

17561902

18695954

+36558

+63

+49322

+85943

-9

03/07/2022

1009943

168545

17590383

18768871

+44379

+57

+28481

+72917

-6

04/07/2022

1019179

168604

17617973

18805756

+9236

+59

+27590

+36885

+2

05/07/2022

1087272

168698

17682801

18938771

+68093

+94

+64828

+133015

+35

06/07/2022

1146034

168770

17733984

19048788

+58762

+72

+51183

+110017

-22

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

Deceduti anni precedenti:

06/07/2020 06/07/2021 06/07/2022
8 24 72

Situazione Regioni

 

Situazione Regioni al 06/07/2022

 

  Deceduti Deceduti Deceduti
  Situazione Situazione Totali
Regioni Precedente Attuale Settimanali
  al 04/07/22 al 06/07/22  
Totali 168.604 168.770 166
★Veneto 14.817 14.837 20
★Emilia Romagna 17.133 17.152 19
★Lazio 11.490 11.509 19
★Lombardia 40.879 40.898 19
★Sicilia 11.231 11.249 18
★Toscana 10.196 10.211 15
★Puglia 8.634 8.647 13
★Sardegna 2.518 2.527 9
★Campania 10.643 10.651 8
★Friuli Venezia Giulia 5.162 5.169 7
★Abruzzo 3.387 3.393 6
★Calabria 2.686 2.690 4
★Marche 3.942 3.946 4
★Piemonte 13.478 13.480 2
★Basilicata 936 937 1
★Liguria 5.360 5.361 1
★Trento 1.569 1.570 1
★Bolzano 1.486 1.486 0
★Molise 636 636 0
★Umbria 1.884 1.884 0
★Valle d'Aosta 537 537 0
Totali 168.604 168.770 166

Mondo

Situazione Mondiale

  

Situazione Mondiale al 25/06/2022

 

  Deceduti Deceduti  
  Situazione Situazione Totali
Stati Precedente Attuale Reali
  6.332.817 6.349.619 16.802
  al 14/06/22 al 25/06/22  
★Stati Uniti 1.036.084 1.040.641 4.557
★Brasile 668.230 670.282 2.052
★Taiwan 4.403 6.120 1.717
★Spagna 107.108 107.799 691
★Regno Unito 179.274 179.927 653
★Russia 380.137 380.776 639
★Italia 167.432 168.018 586
★Australia 9.089 9.656 567
★Portogallo 23.531 24.013 482
★Francia 148.841 149.317 476
★Germania 140.292 140.650 358
★Messico 325.205 325.553 348
★Canada 41.527 41.865 338
★Chile 58.109 58.346 237
★Sud Africa 101.509 101.717 208
★Thailand 30.371 30.578 207
★Giappone 30.910 31.107 197
★India 524.777 524.974 197
★Guatemala 18.293 18.469 176
★Grecia 30.020 30.154 134
★Corea del Sud 24.390 24.516 126
★Finlandia 4.714 4.832 118
★New Zealand 1.286 1.404 118
★Perù 213.338 213.443 105
★Colombia 139.894 139.970 76
★Norvegia 3.210 3.280 70
★Belgio 31.816 31.883 67
★Austria 18.699 18.757 58
★Ungheria 46.571 46.626 55
★Irlanda 7.383 7.437 54
★Indonesia 156.662 156.711 49
★Filippine 60.461 60.507 46
★Svezia 19.016 19.060 44
★Bulgaria 37.204 37.246 42
★Israele 10.882 10.921 39
★Ecuador 35.659 35.695 36
★Panama 8.307 8.340 33
★Polonia 116.380 116.412 32
★Trinidad e Tobago 3.965 3.997 32
★Paraguay 18.932 18.963 31
★Turchia 98.965 98.996 31
★Jamaica 3.084 3.112 28
★Zimbabwe 5.521 5.549 28
★Croazia 16.020 16.047 27
★Iran 141.353 141.379 26
★Malaysia 35.716 35.742 26
★Repubblica Democratica del Congo 1.345 1.371 26
★Slovacchia 20.119 20.142 23
★Arabia Saudita 9.176 9.198 22
★Argentina 128.994 129.016 22
★Tunisia 28.648 28.670 22
★Uruguay 7.290 7.312 22
★Danimarca 6.417 6.438 21
★Serbia 16.101 16.120 19
★Botswana 2.701 2.719 18
★Olanda 22.336 22.354 18
★Ucraina 108.605 108.622 17
★Marocco 16.082 16.097 15
★Lettonia 5.841 5.855 14
★Martinique 943 957 14
★Zambia 3.989 4.003 14
★Georgia 16.826 16.839 13
★Uganda 3.605 3.618 13
★Libano 10.446 10.458 12
★Malta 728 740 12
★Romania 65.714 65.726 12
★Reunion 796 807 11
★Ethiopia 7.517 7.527 10
★Singapore 1.398 1.408 10
★Guyana 1.240 1.249 9
★Lithuania 9.155 9.164 9
★Moldavia 11.554 11.563 9
★Namibia 4.049 4.058 9
★Repubblica Ceca 40.303 40.312 9
★Afghanistan 7.710 7.717 7
★Hong Kong 9.391 9.398 7
★Suriname 1.352 1.359 7
★Bosnia Erzegovina 15.793 15.799 6
★Macedonia del Nord 9.316 9.322 6
★Monzambico 2.206 2.212 6
★Barbados 468 473 5
★Costa d'Avorio 799 804 5
★Emirati Arabi Uniti 2.305 2.310 5
★Eswatini 1.410 1.415 5
★Iraq 25.224 25.229 5
★Mauritius 996 1.001 5
★Pakistan 30.381 30.386 5
★Bahamas 812 816 4
★Bangladesh 29.131 29.135 4
★El Salvador 4.135 4.139 4
★Papua New Guinea 658 662 4
★Saint Lucia 376 380 4
★Svizzera 13.975 13.979 4
★Aruba 216 219 3
★Bahrain 1.489 1.492 3
★Cipro 1.067 1.070 3
★Ghana 1.445 1.448 3
★Malawi 2.642 2.645 3
★Saint Vincent and the Grenadines 108 111 3
★Slovenia 6.645 6.648 3
★Azerbaijan 9.715 9.717 2
★Channel Islands 176 178 2
★Estonia 2.586 2.588 2
★Gibraltar 102 104 2
★Guiana Francese 399 401 2
★Honduras 10.902 10.904 2
★Lesotho 697 699 2
★Madagascar 1.396 1.398 2
★Montenegro 2.722 2.724 2
★Sri Lanka 16.519 16.521 2
★Venezuela 5.724 5.726 2
★Antigua and Barbuda 140 141 1
★Belize 678 679 1
★Bolivia 21.951 21.952 1
★Capo Verde 402 403 1
★DPRK 72 73 1
★Gabon 304 305 1
★Grenada 231 232 1
★Guadalupe 949 950 1
★Isle of Man 107 108 1
★Lussemburgo 1.084 1.085 1
★Maldive 299 300 1
★Quatar 677 678 1
★Repubblica Dominicana 4.382 4.383 1
★Samoa 28 29 1
★Senegal 1.967 1.968 1
★Sudan 4.950 4.951 1
★Tanzania 840 841 1
★Togo 273 274 1
★Vietnam 43.083 43.084 1
★Albania 3.497 3.497 0
★Algeria 6.875 6.875 0
★Andorra 153 153 0
★Angola 1.900 1.900 0
★Anguilla 9 9 0
★Armenia 8.629 8.629 0
★Benin 163 163 0
★Bermuda 138 138 0
★Bhutan 21 21 0
★Bielorussia 6.978 6.978 0
★British Virgin Islands 63 63 0
★Brunei 225 225 0
★Burkina Faso 382 382 0
★Burundi 38 38 0
★Cambodia 3.056 3.056 0
★Camerun 1.930 1.930 0
★Caribbean Netherlands 35 35 0
★Cayman Islands 28 28 0
★Central African Republic 113 113 0
★Chad 193 193 0
★Cina 5.226 5.226 0
★Comoros 160 160 0
★Congo 385 385 0
★Cook Islands 1 1 0
★Costa Rica 8.525 8.525 0
★Cuba 8.529 8.529 0
★Curacao 277 277 0
★Dijbuti 189 189 0
★Dominica 67 67 0
★Egitto 24.613 24.613 0
★Equatorial Guinea 183 183 0
★Eritrea 103 103 0
★Faroe Islands 28 28 0
★Fiji 865 865 0
★Gambia 365 365 0
★Giordania 14.068 14.068 0
★Greenland 21 21 0
★Guinea 442 442 0
★Guinea-Bissau 171 171 0
★Haiti 837 837 0
★Iceland 153 153 0
★Kazakhstan 18.211 18.211 0
★Kenya 5.651 5.651 0
★Kiribati 13 13 0
★Kosovo 2.990 2.990 0
★Kuwait 2.555 2.555 0
★Kyrgyzstan 2.991 2.991 0
★Laos 757 757 0
★Liberia 294 294 0
★Libya 6.430 6.430 0
★Liechtenstein 85 85 0
★Mali 736 736 0
★Mauritania 982 982 0
★Mayotte 187 187 0
★Monaco 57 57 0
★Mongolia 2.179 2.179 0
★Montserrat 8 8 0
★Myanmar 19.434 19.434 0
★Nepal 11.952 11.952 0
★New Caledonia 313 313 0
★Nicaragua 225 225 0
★Niger 310 310 0
★Nigeria 3.144 3.144 0
★Oman 4.260 4.260 0
★Palau 6 6 0
★Palestina 5.356 5.356 0
★Polinesya Francese 649 649 0
★Rwanda 1.459 1.459 0
★Saint Barthelemy 6 6 0
★Saint Kitts and Nevis 43 43 0
★Saint Marten 63 63 0
★Saint Pierre and Miquelon 1 1 0
★San Marino 115 115 0
★Sao Tomè and Principe 73 73 0
★Seychelles 167 167 0
★Sierra Leone 125 125 0
★Sint Maarten 86 86 0
★Siria 3.150 3.150 0
★Solomon Islands 149 149 0
★Somalia 1.350 1.350 0
★South Sudan 138 138 0
★Tajikistan 125 125 0
★Timor-Leste 133 133 0
★Tonga 12 12 0
★Turks and Caicos Islands 36 36 0
★Uzbekistan 1.637 1.637 0
★Vanuatu 14 14 0
★Wallis and Futuna 7 7 0
★Western Sahara 1 1 0
★Yemen 2.149 2.149 0
Totali 6.340.341 6.357.143 16.802

Situazione Vaccini Mondo

 

  Vaccinati Persone
  Totali Totale
Stati Mondiali Somministrata Somministrata
  I Dosi II Dose
  11.974.531.445 3.516.298.365
★Cina 3.391.955.000 0
★India 1.955.954.232 902.972.911
★Stati Uniti 592.269.252 221.924.152
★Brasile 449.034.484 168.228.893
★Indonesia 417.522.347 168.251.795
★Giappone 283.048.722 102.248.901
★Bangladesh 274.455.275 118.438.732
★Pakistan 257.234.758 124.433.592
★Vietnam 223.974.640 79.550.401
★Messico 208.765.211 79.947.470
★Germania 180.487.232 64.534.057
★Russia 167.269.203 74.003.641
★Filippine 151.919.132 70.251.531
★Iran 149.957.751 57.860.379
★Turchia 147.792.806 53.080.538
★Francia 145.105.673 52.863.483
★Italia 138.068.405 49.917.652
★Thailandia 138.025.823 52.710.542
★South Corea 125.809.956 44.613.835
★Inghilterra 124.947.293 42.091.008
★Argentina 104.592.615 37.527.594
★Spagna 94.901.362 40.527.090
★Egitto 88.052.405 36.034.210
★Canada 85.908.594 31.423.901
★Colombia 85.152.277 36.081.319
★Perù 76.178.737 27.464.300
★Malesia 71.095.737 27.170.913
★Arabia Saudita 66.580.990 25.058.107
★Myanmar 62.259.560 27.027.467
★Chile 58.558.762 17.559.377
★Australia 57.785.001 21.643.147
★Taiwan 56.596.591 19.144.697
★Marocco 54.758.259 23.424.784
★Polonia 54.557.318 22.507.407
★Uzbekistan 53.160.080 15.319.040
★Nigeria 46.391.592 16.817.979
★Nepal 44.905.237 20.054.777
★Cambogia 40.352.987 14.341.016
★Sri Lanka 39.586.599 14.523.208
★Cuba 37.896.406 9.969.231
★Venezuela 37.860.994 14.287.370
★Sudafrica 36.558.454 18.954.843
★Ecuador 35.546.798 13.994.007
★Olanda 33.326.378 11.980.109
★Ucraina 31.668.577 15.153.577
★Mozambico 31.616.078 21.304.542
★Etiopia 29.419.678 21.292.024
★Belgio 25.551.465 9.148.200
★Emirati Arabi Uniti 24.880.528 9.702.575
★Portogallo 24.413.324 8.874.953
★Svezia 22.631.019 7.649.569
★Ruanda 22.214.312 8.527.099
★Uganda 21.268.120 10.790.397
★Grecia 21.052.128 7.627.196
★Kazakhstan 20.273.902 9.294.229
★Angola 19.486.927 6.811.268
★Iraq 18.528.750 7.566.054
★Austria 18.397.970 6.623.045
★Kenya 18.367.309 9.223.230
★Israele 18.169.173 6.142.899
★Guatemala 17.723.327 6.290.824
★Repubblica Ceca 17.657.051 6.877.850
★Hong Kong 17.398.698 6.387.025
★Romania 16.827.486 8.114.769
★Ghana 16.203.630 6.410.470
★Svizzera 15.738.236 6.000.650
★Repubblica Dominicana 15.724.169 5.990.488
★Algeria 15.205.854 6.851.660
★Tunisia 14.856.958 6.372.301
★Honduras 14.215.383 5.314.008
★Singapore 14.171.209 4.993.291
★Bolivia 13.773.106 5.981.423
★Azerbaigian 13.728.289 4.849.400
★Danimarca 13.225.835 4.795.513
★Bielorussia 13.106.084 6.271.573
★Ungheria 12.958.848 6.197.968
★Scozia 12.860.332 4.220.400
★Costa d'Avorio 12.753.769 5.540.193
★Tagikistan 12.504.152 4.976.770
★Finlandia 12.116.461 4.331.885
★Zimbabwe 11.851.836 4.559.839
★Norvegia 11.342.783 4.043.856
★Nicaragua 11.139.671 5.273.002
★Nuova Zelanda 11.105.601 4.109.268
★Costa Rica 11.017.624 4.143.017
★Irlanda 10.952.823 4.038.491
★Laos 10.894.482 5.076.787
★El Salvador 10.843.511 4.312.033
★Giordania 9.991.560 4.527.770
★Sudan 9.710.092 3.742.065
★Paraguay 8.838.289 3.442.577
★Uruguay 8.566.637 2.883.973
★Serbia 8.533.114 3.277.747
★Panama 8.320.768 3.110.890
★Kuwait 8.079.566 3.316.630
★Tanzania 7.967.468 3.915.900
★Galles 7.317.660 2.421.579
★Turkmenistan 7.140.000 2.920.000
★Oman 7.090.453 3.072.891
★Slovacchia 7.074.449 2.768.053
★Quatar 6.933.713 2.639.416
★Afghanistan 6.295.222 4.923.085
★Zambia 6.209.931 3.878.201
★Guinea 6.127.699 3.372.119
★Libano 5.656.882 2.369.715
★Mongolia 5.492.919 2.175.617
★Croazia 5.256.249 2.244.688
★Lithuania 4.487.271 1.876.365
★Bulgaria 4.404.422 2.060.841
★Benin 4.156.907 2.690.085
★Siria 4.105.439 1.761.054
★Irlanda del Nord 3.929.108 1.346.469
★Palestina 3.729.762 1.770.990
★Somalia 3.724.063 1.426.011
★Libia 3.555.695 1.177.469
★Bahrain 3.449.762 1.222.125
★Togo 3.290.821 1.557.538
★Kirghizistan 3.135.327 1.314.653
★Slovenia 2.994.740 1.220.065
★Repubblica Democratica del Congo 2.952.125 1.710.177
★Burkina Faso 2.947.562 1.555.077
★Sierra Leone 2.930.408 1.659.093
★Georgia 2.898.265 1.269.337
★Lettonia 2.892.440 1.305.412
★Albania 2.883.079 1.244.383
★Mauritania 2.845.889 1.332.013
★Botswana 2.727.844 1.510.940
★Niger 2.703.493 1.556.817
★Mauritius 2.698.115 963.452
★Senegal 2.523.856 1.468.471
★Madagascar 2.369.775 1.199.011
★Ciad 2.355.126 2.091.466
★Mali 2.308.245 1.245.359
★Malawi 2.166.402 1.590.299
★Moldavia 2.165.600 1.063.425
★Armenia 2.150.112 985.807
★Liberia 1.996.703 1.438.154
★Estonia 1.992.325 847.289
★Bosnia ed Erzegovina 1.924.950 846.080
★Bhutan 1.910.077 672.575
★Macedonia del Nord 1.848.954 837.084
★Camerun 1.837.626 1.215.532
★Kosovo 1.830.106 823.526
★Cipro 1.787.698 644.976
★Timor 1.638.158 694.694
★Trinidad e Tobago 1.568.606 713.210
★Figi 1.474.856 634.685
★Macao 1.432.117 583.747
★Giamaica 1.428.889 705.188
★Malta 1.309.736 469.540
★Lussemburgo 1.300.452 429.705
★Repubblica Centrafricana 1.193.681 1.044.746
★Brunei 1.173.118 426.764
★South Sudan 1.059.464 967.199
★Maldive 945.036 384.347
★Lesotho 933.825 735.610
★Guyana 912.674 368.100
★Yemen 859.241 441.404
★Congo 831.318 652.422
★Namibia 825.518 426.681
★Islanda 805.469 290.193
★Cape Verde 762.486 307.398
★Gambia 720.000 354.340
★Montenegro 674.658 283.550
★Comore 642.520 301.218
★Papua Nuova Guinea 602.174 271.349
★Gabon 566.886 256.088
★Guinea-Bissau 562.717 341.781
★Swaziland 535.393 336.066
★Suriname 505.699 237.879
★Samoa 494.684 198.149
★Guinea Equatoriale 479.991 206.762
★Belize 478.380 212.136
★Nuova Caledonia 461.504 180.313
★Isole Salomone 458.474 172.833
★Polinesia Francese 453.259 180.807
★Bahamas 340.866 157.964
★Barbados 315.723 153.168
★Gibuti 311.823 135.884
★Vanuatu 301.000 118.158
★Haiti 289.890 134.525
★Curacao 253.757 99.490
★Tonga 241.578 97.151
★Jersey 235.239 80.632
★Seychelles 221.597 80.700
★Sao Tome and Principe 214.560 91.836
★Isola di Man 189.681 67.024
★Aruba 171.732 82.175
★Guernsey 156.415 53.450
★Andorra 153.072 53.427
★Kiribati 147.497 60.670
★Isole Cayman 145.217 59.355
★Bermuda 131.612 47.657
★Antigua e Barbuda 125.877 61.882
★Saint Lucia 121.134 54.114
★Gibilterra 119.855 41.421
★Isole Faroe 103.894 40.895
★Grenada 88.940 38.492
★Groenlandia 79.745 38.502
★Saint Vincent e Grenadine 71.280 30.755
★Liechtenstein 70.732 26.424
★Turks and Caicos Islands 69.803 29.963
★San Marino 69.338 23.633
★Dominica 66.872 30.396
★Monaco 65.140 25.667
★Sint Maarten (Dutch part) 64.539 26.237
★Saint Kitts and Nevis 60.467 26.294
★Isole Vergini Britanniche 41.144 18.053
★Isole Cook 39.780 14.685
★Bonaire Sint Eustatius and Saba 35.845 16.736
★Anguilla 23.752 10.113
★Nauru 22.976 8.585
★Wallis and Futuna 16.426 6.457
★Burundi 16.232 13.811
★Tuvalu 12.528 6.160
★S.Elena Ascensione e Tristan da Cunha 7.892 3.531
★Isole Falkland 4.407 1.775
★Montserrat 4.255 1.829
★Niue 4.161 1.417
★Tokelau 1.936 968
★Pitcairn 94 47
Totali Dosi Somministrate 11.974.531.445 3.516.298.365

sabato 2 ottobre 2021

Usa, Merck chiederà l'autorizzazione per la pillola contro il Covid

IDROSSICLOROCHINA covid-19 coronavirus farmaci medicinali pillole

La compagnia farmaceutica Merck chiederà "il prima possibile" l'autorizzazione di emergenza negli Stati Uniti per la prima pillola anti-Covid. I test, riferisce l'azienda, "hanno mostrato che il farmaco riduce ricoveri e decessi del 50% quando somministrato a persone ad alto rischio nelle fasi iniziali dell'infezione". L'antivirale molnupiravir, messo a punto per fermare il replicarsi del virus, va preso per cinque giorni quattro volte al giorno.

 

Il farmaco, se riuscirà ad ottonere l'autorizzazione di emergenza, sarà la prima cura di questo tipo e un potenziale grande passo avanti nella lotta alla pandemia.

 

Lo studio

Merck e il partner Ridgeback Biotherapeutics hanno dichiarato che i risultati preliminari hanno mostrato che i pazienti che hanno utilizzato il molnupiravir entro cinque giorni dalla comparsa dei sintomi hanno visto ridursi della metà il tasso di ospedalizzazione e morte, rispetto a quelli che hanno ricevuto un placebo. Lo studio ha seguito 775 persone adulte con sintomi da medi a moderati, considerate ad alto rischio di malattia grave a causa di problemi di salute come obesità, diabete o malattie cardiache.

 

I risultati

Tra i pazienti che hanno assunto il molnupiravir, il 7,3% è stato ricoverato o è morto entro 30 giorni, rispetto al 14,1% di coloro che hanno assunto il placebo. Nel primo gruppo non ci sono stati decessi nello stesso periodo, mentre nell'altro sono stati otto.  "Una riduzione di ricoveri e decessi del 50% è un impatto clinico sostanziale", ha dichiarato Dean Li, vicepresidente delle ricerche di Merck. 

 

Governo Usa si è impegnato ad acquistare 1,7 milioni di dosiLa pillola funziona interferendo con un enzima che il coronavirus usa per copiare il suo codice genetico e riprodursi. Il farmaco ha mostrato analoga attività contro altri virus. In caso di autorizzazione della Food and Drug Administration, il governo Usa si è impegnato ad acquistare 1,7 milioni di dosi del farmaco. Merck ha fatto sapere di poter produrre 10 milioni di dosi entro la fine dell'anno e di avere contratti con vari governi.

 

venerdì 30 aprile 2021

Green Pass per muoversi nell’Unione europea: quando partirà e come funzionerà.

Green Pass: dall'1 luglio sarà disponibile tramite applicazione | SiViaggia

Pass, ci siamo. Da quando? Il sistema europeo che consentirà di emettere i Certificati Verdi Digitali, o Green Pass, validi in tutta l'Ue sarà "tecnicamente operativo" il primo giugno prossimo. A spiegare come funzionerà all’Adnkronos è un alto funzionario Ue, a Bruxelles, in vista dell'avvio dei negoziati interistituzionali tra Parlamento e Consiglio proprio su questo tema e che dovrebbero iniziare la prossima settimana. ***Iscriviti alla Newsletter Speciale coronavirus  I Paesi coinvolti nella prima fase L'attuazione pratica del certificato dipenderà dai negoziati tra Parlamento Europeo e Consiglio, ma l'obiettivo è di concluderli e di avere il regolamento in vigore entro "fine giugno". A quel punto, una volta adottato il regolamento, il Green Pass non sarà "un optional", bensì "un diritto" di ogni cittadino dell'Ue, per legge. Un primo grande gruppo di Paesi (Francia, Malta, Olanda, Lussemburgo, Estonia, Svezia, Croazia, Bulgaria, Spagna, Italia, Lituania, Germania, Repubblica Ceca, Austria, Islanda e Grecia) inizierà la fase di test "verso il 10 maggio".  Seconda fase Un secondo gruppo (Lettonia, Romania, Cipro, Irlanda, Portogallo, Polonia, Danimarca e Slovenia) avvierà i test "verso fine maggio", mentre altri cinque (Ungheria, Belgio, Norvegia, Liechtenstein e Slovacchia) hanno deciso di non partecipare ai test e di connettersi alla piattaforma direttamente in fase di attuazione. Come funziona Il certificato attesterà, attraverso una app dotata di codice Qr oppure in formato cartaceo, l'avvenuta vaccinazione contro la Covid-19 e il numero di dosi ricevuto, l'avvenuta guarigione dalla Covid nei precedenti sei mesi e la presenza dei relativi anticorpi (mediante test), oppure l'esito negativo di un tampone, Pcr o rapido (i dettagli tecnici su questo verrano negoziati dai colegislatori). Starà ad ogni Stato membro, poi, stabilire i requisiti di ingresso nel proprio territorio: si tratta di competenze esclusivamente nazionali e l'Ue non può imporre nulla in questo campo. Può solo raccomandare. [[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Pasquale Stanzione: «Troppo esteso l’ambito d’uso, cambiare la norma»]] Niente bacchetta magica Il Pass non sarà la bacchetta magica che risolve tutto, ma dovrebbe facilitare gli spostamenti in Europa, rispetto alla situazione attuale in cui sono ancora molto difficili: «Se oggi qualcuno dal Belgio volesse andare a trovare un parente in Italia per tre giorni, dovrebbe fare cinque giorni di quarantena, in Italia», ricorda l'alto funzionario. Dovrebbe poi «riempire quattro moduli, fare un test Pcr e poi farne un altro per stare in Italia tre giorni. E, quando torna in Belgio, dovrebbe fare altri sette giorni di quarantena, con due test Pcr. In tutto quattro test Pcr, 11 giorni di quarantena, con la polizia che viene a suonare al citofono, per andare a trovare una persona per tre giorni in un altro Stato membro. Questa è la situazione oggi e non va dimenticato». Con il Green Pass, o Certificato Verde Digitale, «avremo un sistema sicuro, che rispetta la privacy, che dimostra che si è vaccinati, tamponati eccetera». Naturalmente i requisiti per viaggiare dipenderanno «dagli Stati membri e dalla situazione epidemiologica» a fine giugno. «Questa parte non tocca al sistema tecnico, che comunque verrà sincronizzato con il regolamento. Al momento in cui il regolamento entrerà in vigore, il sistema sarà operativo. E poi - conclude la fonte - c'è un percorso da fare con gli Stati membri per armonizzare i requisiti per viaggiare».

lunedì 19 aprile 2021

Tampone fai da te, il kit arriva nei supermercati.

Un test rapido per l’autodiagnosi del coronavirus sarà in commercio a partire dalla prima settimana di maggio. Ogni singolo kit per il tampone fai da te costerà circa 6-8 euro e potrà essere acquistato nei supermercati, nei negozi e nelle attività commerciali che decideranno di distribuirlo. Replicando così il modello di vendita che consente ormai di trovare le mascherine oltre che in farmacia, anche, per esempio, nei supermercati, in cartoleria, così come nei negozi di ferramenta. La possibilità di effettuare un test antigenico rapido a casa, senza andare in farmacia, rappresenta un altro tassello, naturalmente restano cruciali la campagna di vaccinazione e l’adozione di comportamenti responsabili, del percorso che con la dovuta cautela porterà al ritorno della socialità.

Un fattore ulteriore, insomma, per assicurarsi di poter uscire, andare a scuola o frequentare familiari o amici, basandosi su un test rapido che finora era possibile effettuare solo in farmacia o dopo avere acquistato uno dei kit fai da te che si trovano in vendita online. Il fatto di poterlo vendere nello scaffale di un negozio, in autogrill o al banco di un bar potrebbe agevolarne la diffusione.

Inserito nell’elenco dei dispositivi medici del ministero

Il brevetto del prodotto è di Xiamen Boson Biotech (una società cinese) e a distribuirlo in Europa è il gruppo austriaco Technomed, che ha ottenuto la certificazione CE e ha già avviato la commercializzazione in vari mercati europei. Nei giorni scorsi il prodotto è stato inserito nell’elenco dei dispositivi medici del ministero della Salute, una classificazione che a differenza dei farmaci ne consente la vendita ovunque.

Come funziona il tampone fai da te

Il test per l’autodiagnosi a casa si effettua tramite un tampone nella regione nasale e dopo circa 15 minuti rileva le eventuali mutazioni del virus attualmente note. Il kit antigenico rapido da scaffale non ha l’affidabilità di un test molecolare, ma è uno strumento ulteriore di diagnosi per lo screening di massa che permette con attendibilità di individuare le persone positive al Covid, anche in assenza di sintomi.

Si potrà fare a casa

Per effettuare il test da soli occorrerà un po’ di perizia, seguendo con attenzione le istruzioni sull’utilizzo del tampone e della fiala con soluzione di estrazione. «Siamo orgogliosi di poter fornire a tutta l’Europa il test per l’autodiagnosi Boson, un prodotto di qualità per contenere e combattere la pandemia», spiega Moritz Bubik, amministratore delegato di Technomed. All’inizio dell’emergenza sanitaria vale ricordare la penuria di tamponi e quanto fossero introvabili, lo stesso è capitato con le mascherine. Prima merce rara, mentre oggi sono reperibili ovunque. Precedenti che lasciano spazio all’ottimismo di poter disporre a breve di una sovrabbondanza di vaccini anti Covid.

sabato 27 marzo 2021

Dpcm Draghi, seconde case, spostamenti, fine settimana: le regole e i divieti.

L’ Italia chiusa per un altro mese.

Il monitoraggio

L’Istituto superiore di sanità sottolinea nel monitoraggio settimanale che «il numero complessivo di persone ricoverate in terapia intensiva è ancora in aumento con un tasso di occupazione a livello nazionale sopra la soglia critica e analogo è l’andamento per le aree mediche». Per questo suggerisce di «mantenere rigorose misure di mitigazione nazionali accompagnati da puntuali interventi di mitigazione/contenimento nelle aree a maggiore diffusione», dunque lockdown locali che possano fermare i contagi provocati dalle varianti del virus. Il monito è chiaro: «È fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile».

I nuovi colori

Secondo le indicazioni della Salute da lunedì passano in fascia rossa Calabria, Toscana e Val d’Aosta e si aggiungono a Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Marche, provincia autonoma di Trento, Piemonte, Puglia e Veneto. Torna invece in fascia arancione il Lazio con Abruzzo, Basilicata, Liguria, Molise, provincia autonoma di Bolzano, Sardegna, Sicilia e Umbria. Il cambio per il Lazio scatterà martedì, alla scadenza della precedente ordinanza.

Bar e ristoranti

Ministri e governatori del centrodestra insistono per far ripartire alcune attività, ma la decisione del governo è far rimanere l’Italia in arancione e rosso per un altro mese. Non è passata, almeno per il momento, l’ipotesi di riaprire nelle zone di minor contagio bar e ristoranti a pranzo anche se fino alle 15 o alle 16 in modo da evitare gli incontri per l’aperitivo. Non è esclusa una «correzione» dopo due settimane se la curva epidemiologica dovesse scendere in maniera significativa, ma con la campagna vaccinale ancora in affanno adesso si è deciso di far prevalere il rigore.

I fine settimana

Una stretta che potrebbe essere ancora più energica nel fine settimana del 25 aprile e del 1° maggio. Per evitare gli spostamenti tutta Italia dovrebbe tornare in zona rossa.

I confini regionali

Prorogato anche il divieto di spostamento tra le regioni. Si potranno varcare i confini soltanto per «comprovate esigenze» — motivi di lavoro, salute e urgenza — con l’autocertificazione

Covid e regole

Le seconde case

Rimane invece la possibilità di andare nelle seconde case anche se si trovano nelle regioni in fascia rossa, soltanto un nucleo familiare e a condizione che non ci siano altre persone. Alcuni governatori — Toscana, Valle d’Aosta, Puglia, Alto Adige e Campania — hanno però deciso di impedire i trasferimenti e hanno firmato ordinanze che vietano l’ingresso a chi ha una seconda abitazione.

Sport e spettacoli

Si allontana la possibilità di far ripartire le attività sportive nelle piscine e nelle palestre e slitta la scadenza fissata al 27 marzo per riaprire i cinema e i teatri. Chiusi anche musei e mostre.

I ristori

Per questo il ministro Gelmini ha chiesto durante la «cabina di regia» uno scostamento di bilancio che consenta di «concedere i ristori in maniera selettiva a tutte le attività chiuse da molto tempo perché bisogna dare un segnale concreto a queste persone».

domenica 14 marzo 2021

Nuovo decreto: spostamenti, attività aperte, parenti e amici, cosa si può fare in zona rossa e arancione fino al 6 aprile.

Tre settimane di restrizioni dure. Il nuovo decreto è il secondo provvedimento del governo Draghi per contrastare la pandemia di coronavirus. Tutte le misure in vigore, le aperture e le chiusure da lunedì 15 marzo fino a dopo Pasqua. Le regioni cambiano colore lunedì.

La nuova stretta è arrivata, e sarà effettiva tra meno di 48 ore, ovvero da lunedì 15 marzo 2021. Dopo il primo Natale in zona rossa, all'orizzonte si profila la seconda Pasqua blindata per l'Italia. Lo ha deciso ieri il governo di Mario Draghi di fronte all'aumento costante dei contagi e al rischio di saturazione degli ospedali, varando un decreto legge - non un dpcm - le cui misure saranno in vigore da lunedì 15 marzo fino al 6 aprile 2021. Tre settimane di restrizioni dure. E' il secondo provvedimento del governo Draghi per contrastare la pandemia di coronavirus. Ma cosa si potrà fare nelle prossime tre settimane?

Cosa cambia con il nuovo decreto Covid fino al 6 aprile 2021

Che cosa si potrà fare e che cosa no nelle prossime settimane? Cerchiamo di fare chiarezza. Ieri il consiglio dei ministri ha approvato il decreto con tutte le restrizioni dal 15 marzo al 6 aprile 2021. Il fatto che tutte le regioni saranno almeno in zona arancione nei giorni presi in esame dà l'idea dell'impatto che la stretta avrà sulla vita quotidiana degli italiani. Non una novità, dopo un anno complicato. 

C'è sempre il divieto di spostamento tra le regioni, a meno di motivi di lavoro, salute e urgenza, con il modulo di autocertificazione da compilare in tal caso.

Permane il coprifuoco dalle ore 22 alle 5 del giorno successivo, tranne che per esigenze lavorative, situazioni di necessità ovvero motivi di salute. "È in ogni caso fortemente raccomandato, per la restante parte della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi".

Le cose da sapere sugli spostamenti in zona arancione:

  • È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori in zona arancione salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute
  • Sono «consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita».
  • È consentito «il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza».
  • Il transito «sui territori in zona arancione è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti ai sensi del decreto».
  • «È vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune».

Le cose da sapere sugli spostamenti in zona rossa:

  • «È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori in zona rossa nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute».
  • Sempre è consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
  • Infine il transito «sui territori in zona rossa è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti ai sensi del presente decreto».

Le visite a parenti e amici in zona rossa e arancione

In zona arancione dal 15 marzo al 2 aprile 2021 e nella giornata del 6 aprile 2021 è consentito, in ambito comunale, lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi.

In zona rossa dal 15 marzo al 2 aprile 2021 e nella giornata del 6 aprile 2021 non è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi.

Negozi, bar e ristoranti in zona rossa e arancione: gli orari

In zona arancione bar e ristoranti sono chiusi. Sempre consentita la consegna a domicilio. Fino alle 22 è consentita la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze per ristoranti, enoteche. Per i bar il solo asporto è possibile fino alle 18,00.

In zona rossa bar e ristoranti sono chiusi. Sempre consentita la consegna a domicilio. Fino alle 22 è consentita la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze per ristoranti, enoteche. Per i bar il solo asporto è possibile fino alle 18,00.

In zona arancione i negozi sono aperti, i centri commerciali sono aperti dal lunedì al venerdì, chiusi invece nei festivi e prefestivi.

In zona rossa sono aperti solo i negozi di generi alimentari e di prima necessità: chiusi negozi di abbigliamento, calzature e gioiellerie. Sempre aperte invece le edicole, i tabaccai, le farmacie.

Parrucchieri e centri estetici aperti in zona arancione, chiusi in zona rossa. In zona arancione e rossa nelle seconde case può andare soltanto il nucleo familiare e solo se la casa non è in quel momento abitata da altre persone. Si deve dimostrare, in caso di controllo, di essere proprietari o affittuari da prima del 14 gennaio di quest'anno.

Lo sport in zona rossa e arancione fino al 6 aprile

In fascia arancione è consentito svolgere l'attività sportiva e motoria all'aperto e nei centri sportivi non al chiuso. Restano sospese le attività di palestre e piscine. Non sono consentiti gli sport di contatto. Consentiti gli eventi e le competizioni, riconosciuti di interesse nazionale dal Coni e dal Cip, riguardanti gli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva. In zona arancione l’attività sportiva non si potrà svolgere al di fuori del proprio Comune di residenza, eccetto che per casi particolari. Da ricordare anche che le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono consentite esclusivamente per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e per le attività riabilitative o terapeutiche, come ricorda lo stesso ministero nell'avviso del 4 marzo 2021

In zona rossa l’attività motoria "è consentita solo in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da altre persone e con obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezioni individuali". Consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all'aperto e in forma individuale. Sono sospese tutte le attività di palestre e piscine anche se svolte nei centri sportivi all’aperto. Sospesi tutti gli eventi e le competizioni organizzati dagli Enti di promozione sportiva, mentre sono consentiti gli eventi e le competizioni sportive riconosciute di rilevanza nazionale dal CONI e dal CIP, che si tengano all’aperto o al chiuso, ma senza pubblico.

Regioni in zona arancione e rossa da lunedì 15 marzo 2021

Da lunedì 15 marzo 2021 entrano in vigore le novità stabilite dal nuovo decreto legge approvato oggi 12 marzo, così come le nuove ordinanze firmate dal ministro della Salute Roberto Speranza che confermando le restrizioni esistenti, ha portato in zona rossa otto regioni e la provincia autonoma di Trento.

  • Zona rossa: Campania e Molise, cui si aggiungono PiemonteLombardiaVenetoTrentino, Friuli Venezia GiuliaEmilia RomagnaMarcheLazio, Puglia
  • Zona arancione: Abruzzo, Umbria, Valle d'AostaLiguriaToscanaCalabriaSicilia, Alto Adige, Basilicata (arancione da martedì 16)
  • Zona bianca: solo la Sardegna.

Pasqua in zona rossa: che cosa si potrà fare 

Nei giorni di Pasqua e Pasquetta e il sabato precedente - 3, 4 e 5 aprile - l'Italia sarà tutta in zona rossa ad eccezione di eventuali regioni in zona bianca (al momento solo la Sardegna lo è). In quei tre giorni sarà comunque possibile effettuare una visita al giorno all'interno della regione, massimo in due adulti con minori di 14 anni o disabili o non autosufficienti conviventi, tra le ore 5 e le 22. Per istituire la zona rossa in una regione con ordinanza del ministro della Salute non si considererà più solo l'Rt (indice di trasmissibilità) superiore a 1,25 nell'ultima rilevazione, ma anche l'incidenza settimanale superiore a 250 casi complessivi su 100 mila abitanti. Il cambio di fascia sarà automatico. Le Regioni arancioni potranno individuare aree da portare in zona rossa, quando l'incidenza supera la soglia dei 250 casi per 100 mila abitanti nella settimana oppure quando si riscontra una presenza di varianti tale da dover prevedere misure più restrittive. Tre settimane di restrizioni pesanti. Le ultime?

Quando serve l'autocertificazione in zona rossa, arancione e gialla

Nelle zone arancioni l’autocertificazione, serve se si ha la necessità di spostarsi in un’altra regione oppure durante la chiusura notturna. In queste regioni però il modulo deve essere compilato anche per gli spostamenti in un Comune diverso da quello in cui si risiede, mentre non è necessario compilarla per muoversi all’interno del proprio Comune tra le 5 e le 22.

Nelle zone rosse l'autocertificazione è sempre richiesta. Sono vietati tutti gli spostamenti anche all'interno del proprio Comune, se non in caso di necessità, per esigenze di lavoro e salute, tutti motivi che dovranno essere comprovati dall'autocertificazione. Restano chiusi i negozi, tranne quelli considerati di prima necessità. Resta la possibilità di spostarsi verso l'abitazione di parenti o amici una volta al giorno, massimo due persone, esclusi disabili a carico e minori di 14 anni. Stop agli spostamenti nella regione e tra regioni diverse, e ovviamente coprifuoco confermato tra le 22 e le 5, salvo comprovati motivi di necessità, lavoro o urgenza da dichiarare nell'autocertificazione. 

In zona gialla (da lunedì nessuna regione in questa fascia) sono vietati tutti gli spostamenti verso una Regione o Provincia Autonoma diversa dalla propria, ad eccezione di quelli dovuti a motivi di lavoro, salute o necessità. Rimane anche in vigore la chiusura notturna dalle 22 alle 5. L’autocertificazione serve quindi se si ha necessità di spostarsi per lavoro, salute o necessità in un’altra regione oppure tra le 22 e le 5 del mattino seguente.

domenica 28 febbraio 2021

Il nuovo Dpcm Draghi e la stretta fino a Pasqua: chi apre e chi chiude dal 6 marzo.

Misure restrittive anti covid prorogate seguendo la linea del rigore. Saranno in vigore fino al 6 aprile, il giorno dopo Pasquetta. Parrucchieri chiusi in zona rossa. Cinema, teatri e musei riaprono il 27 marzo in zona gialla. Dad almeno al 50% per le superiori.

Pasqua e Pasquetta blindate per arginare l'epidemia Covid-19. Il nuovo Dpcm con le misure restrittive anti covid sarà valido da sabato 6 marzo fino a martedì 6 aprile 2021 (qui trovate una bozza del testo). Con gli oltre ventimila nuovi contagi di ieri, il tasso di positività nazionale salito al 6,3% secondo l'ultimo bollettino coronavirus e la preoccupazione per la diffusione delle varianti più contagiose, l'esecutivo segue la linea del rigore, ma a differenza di quanto successo in precedenza, il premier Mario Draghi non parlerà dopo l'approvazione del nuovo Dpcm. In sintesi, ecco i punti principali della bozza del nuovo provvedimento:

  • La durata sarà dal 6 marzo al 6 aprile 2021: "Le disposizioni del presente decreto si applicano dalla data del 6 marzo 2021, in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14 gennaio 2021, e sono efficaci fino al 6 aprile 2021, ad eccezione degli articoli 33 e 38 che si applicano dal 27 febbraio 2021…";
  • Stop agli spostamenti tra regioni: il divieto di spostamento tra le regioni è valido fino al 27 marzo assieme al prossimo dpcm, che disciplinerà le misure fino al 6 aprile, Pasqua compresa, e potrebbe essere nuovamente prorogato con un decreto. Resta consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione così come gli spostamenti motivati da esigenze lavorative, ragioni di salute o situazioni di necessità. Permessa in zona gialla in ambito regionale la visita in una sola abitazione privata, una volta al giorno, fra le 5 del mattino e le 22. Possono spostarsi due persone più i figli minori di 14 anni;
  • Seconde case: è consentito recarsi nelle seconde case in zona gialla o arancione (anche se si trovano fuori regione) ma solo al nucleo familiare e soltanto se la casa è disabitata. Non si può andare nella seconda casa con amici e parenti. Non è possibile invece - a meno di urgenti e necessari motivi - se le abitazioni sono in zone rosse o arancione scuro. Sono vietati i viaggi per turismo.
  • Bar e ristoranti: la sera ancora niente cene al ristorante. Confermato che al ristorante e al bar in zona gialla si potrà andare solo di giorno fino alle 18 e fino alle 22 è consentito l'asporto. Asporto e consegne a domicilio sono consentiti nelle zone arancioni e rosse. 
  • Negozi chiusi solo in zona rossa dove sono garantiti esclusivamente gli esercizi commerciali di prodotti essenziali: farmacie, alimentari, ferramenta, cura della persona, parrucchieri. In zona gialla e arancione tutti i negozi restano aperti. Nei weekend continuano ad essere chiusi i centri commerciali. 
  • Teatro, cinema, concerti: dal 27 marzo in zona gialla gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto sono svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi.

Il nuovo Dpcm Draghi: chi apre e chi chiude dal 6 marzo

Chi apre e chi chiude dal 6 marzo e fino al 6 aprile? Ecco cosa cambia per scuole, bar, ristoranti, palestre, barbieri, musei, cinema e teatri secondo quanto si delinea nella bozza del provvedimento. Secondo quanto riporta la bozza del decreto, le scuole superiori potrebbero rimanere aperte, con almeno il 50% degli alunni in presenza. La decisione non è definitiva, il governo aspetta infatti il parere del Comitato tecnico scientifico sulle nuove varianti.

Ma nella bozza del Dpcm che il governo ha inviato alle Regioni e visionata dall'Adnkronos, "le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado - si legge - adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, almeno al 50 per cento e fino a un massimo del 75 per cento della popolazione studentesca delle predette istituzioni sia garantita l'attività didattica in presenza. La restante parte dell'attività didattica è svolta tramite il ricorso alla didattica a distanza". Nel testo, di differente rispetto al precedente Dpcm, è inoltre riportato che "al fine di mantenere il distanziamento sociale, è da escludersi qualsiasi altra forma di aggregazione alternativa".

Bar e ristoranti resteranno chiusi dopo le 18. "Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5,00 fino alle ore 18,00. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi", si legge nella bozza. "Dopo le ore 18,00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico. Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati", si legge ancora.

"Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze -specifica tra l'altro il Dpcm-. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici Ateco 56.3 e 47.25 l'asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18,00".

Chiudono barbieri e parrucchieri in zona rossa. "Sono sospese le attività inerenti servizi alla persona, diverse da quelle individuate nell'allegato 24", tra parentesi però è riportato che dall’"allegato 24 vengono eliminati i servizi dei saloni di barbiere e di parrucchiere".

Riaprono i musei e le attività culturali a partire dal 27 marzo, messa nero su bianco nella bozza. "A far data dal 27 marzo 2021 - si legge nel testo -, il sabato e i giorni festivi il servizio è assicurato a condizione che l’ingresso sia stato prenotato on line o telefonicamente con almeno un giorno di anticipo". Riaprono nelle regioni in zona gialla anche cinema e teatri. "A decorrere dal 27 marzo 2021 - si legge nel testo - gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto sono svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi".

E ancora: "Le attività potranno svolgersi a condizione che siano approvati nuovi protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento, approvati dal Ministero dei beni e delle attività culturali e validati dal Comitato tecnico-scientifico, che indichino anche il numero massimo di spettatori per spettacoli all'aperto e di spettatori per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. Restano sospesi gli eventi che implichino assembramenti in spazi chiusi o all'aperto quando non è possibile assicurare il rispetto delle condizioni" stabilite dal Dpcm.

"Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali. Ferma restando la sospensione delle attività di piscine e palestre, l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte all'aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento": è quanto si legge nella bozza del nuovo Dpcm con le regole anti covid.

Fiere e discoteche chiuse anche in zona bianca. "Restano sospesi gli eventi che implichino assembramenti in spazi chiusi o all'aperto" in zona bianca, "comprese le manifestazioni fieristiche e i congressi nonché le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso". E salta la stagione sciistica perché, secondo quanto riporta la bozza, le piste resteranno chiuse fino al 6 aprile.

E infine "sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, anche se svolte all'interno di locali adibiti ad attività differente", specifica la bozza. "Sono sospese le attività dei parchi tematici e di divertimento. È consentito l'accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all'aria aperta, con l'ausilio di operatori cui affidarli in custodia e con obbligo di adottare appositi protocolli di sicurezza predisposti in conformità alle linee guida del Dipartimento per le politiche della famiglia di cui all'allegato 8", si legge ancora.