Il Web visto da Antonino

il Web visto da  Antonino

Europa Europa

Il web non e' sesso e perversione, ma amicizia,

amore e unione tra i popoli.

Il Cavaliere Solitario

Se vi piace quello che faccio votate, potete farlo ogni ora.

 

agenzia seo milano

Situazione Vaccini Italia

Nuovo Modulo Autocertificazione:

Situazione Vaccini Italia al 06/05/2021

 

  Vaccini Vaccinati Vaccinati
  Dosi I Dose II Dose
Regioni Italiane Consegnate Somministrata Somministrata
  Totale Totale Totale
  26.916.650 22.300.567 6.640.769
★Abruzzo 598.350 502.338 151.276
★Basilicata 258.085 209.070 58.422
★Bolzano 261.545 206.549 59.757
★Calabria 807.950 619.146 183.062
★Campania 2.383.725 1.983.156 547.725
★Emilia Romagna 2.108.110 1.781.566 592.581
★Friuli Venezia Giulia 571.635 460.335 151.389
★Lazio 2.654.920 2.143.510 664.514
★Liguria 763.700 672.437 227.234
★Lombardia 4.483.010 3.847.381 1.057.465
★Marche 703.980 608.766 184.780
★Molise 149.895 126.922 44.198
★Piemonte 2.046.940 1.700.976 528.957
★Puglia 1.724.655 1.453.733 380.820
★Sardegna 718.440 556.523 164.633
★Sicilia 2.096.785 1.571.660 491.952
★Toscana 1.693.220 1.373.126 426.436
★Trento 239.980 200.977 42.956
★Umbria 400.245 336.415 106.941
★Valle d'Aosta 59.410 50.004 14.597
★Veneto 2.192.070 1.895.977 561.074
Totali 26.916.650 22.300.567 6.640.769

Persone Vaccinate in Italia nelle ultime 24 ore: 528745

Situazione Vaccini Mondo

Situazione Vaccini Mondo al 06/05/2021

 

  Vaccinati Persone
  Totali Totale
Stati Mondiali Somministrata Somministrata
  I Dosi II Dose
  1.212.154.525 290.506.762
★Cina 289.627.000 0
★Stati Uniti 249.566.820 107.346.533
★India 159.931.238 30.200.597
★Brasile 45.671.672 14.750.572
★Inghilterra 42.408.492 13.284.182
★Germania 32.596.999 7.145.486
★Turchia 24.103.883 9.839.869
★Francia 23.404.537 7.007.993
★Italia 22.300.567 6.640.769
★Russia 20.720.147 8.015.940
★Indonesia 20.701.804 8.002.236
★Messico 19.340.234 8.418.291
★Spagna 17.916.566 5.394.315
★Chile 15.132.910 6.900.297
★Canada 14.568.067 1.173.791
★Polonia 12.225.861 3.308.889
★Emirati Arabi Uniti 10.834.453 3.836.521
★Israele 10.482.925 5.068.889
★Arabia Saudita 9.924.369 0
★Marocco 9.558.639 4.326.873
★Bangladesh 9.030.320 3.210.509
★Argentina 8.391.513 1.130.337
★Ungheria 6.468.466 2.315.428
★Olanda 5.651.843 943.197
★Romania 5.588.267 2.138.703
★Colombia 5.220.330 1.766.080
★Scozia 4.220.716 1.373.882
★Belgio 4.199.590 928.137
★South Corea 3.883.829 323.505
★Giappone 3.836.845 1.042.998
★Portogallo 3.584.684 940.586
★Serbia 3.526.876 1.498.386
★Svezia 3.485.725 775.438
★Repubblica Ceca 3.423.789 1.034.976
★Austria 3.362.892 904.747
★Grecia 3.309.788 1.037.142
★Pakistan 2.967.870 0
★Svizzera 2.791.978 949.994
★Galles 2.656.272 783.120
★Cambogia 2.608.983 1.043.691
★Australia 2.396.314 0
★Singapore 2.213.888 849.764
★Danimarca 2.155.301 740.184
★Filippine 2.129.185 342.705
★Repubblica Dominicana 2.123.703 804.258
★Nepal 2.091.511 0
★Kazakhstan 2.025.911 460.230
★Finlandia 1.990.774 185.821
★Uruguay 1.936.637 733.467
★Perù 1.856.964 644.519
★Norvegia 1.847.728 417.344
★Mongolia 1.756.434 547.521
★Slovacchia 1.714.749 549.768
★Quatar 1.701.914 637.620
★Irlanda 1.655.866 454.493
★Thailandia 1.601.833 434.114
★Hong Kong 1.593.570 588.145
★Azerbaigian 1.566.106 578.144
★Malesia 1.500.202 585.539
★Irlanda del Nord 1.397.087 446.309
★Kuwait 1.367.000 38.000
★Bahrain 1.318.506 558.531
★Iran 1.314.641 231.503
★Nigeria 1.246.845 0
★Etiopia 1.215.934 0
★Ecuador 1.141.262 252.044
★Giordania 1.091.048 286.028
★Lithuania 1.072.671 347.719
★Sri Lanka 1.069.828 141.721
★Myanmar 1.040.000 40.000
★El Salvador 991.133 101.024
★Croazia 979.181 218.376
★Costa Rica 950.252 345.153
★Bolivia 878.563 240.869
★Bulgaria 877.124 251.202
★Kenya 853.081 0
★Ghana 849.527 0
★Ucraina 784.229 419
★Panama 706.271 213.923
★Slovenia 677.844 228.369
★Egitto 660.000 0
★Uzbekistan 600.369 0
★Vietnam 585.539 0
★Zimbabwe 559.777 107.586
★Albania 556.584 0
★Libano 500.984 183.372
★Estonia 492.520 138.282
★Bhutan 480.818 0
★Angola 456.349 0
★Tunisia 424.485 103.833
★Senegal 416.956 0
★Maldive 412.636 114.240
★Sudafrica 353.181 353.181
★Malta 352.421 111.318
★Ruanda 350.310 0
★Uganda 341.819 0
★Lettonia 341.444 60.646
★Bielorussia 328.500 84.500
★Oman 315.691 62.691
★Nuova Zelanda 304.900 87.297
★Iraq 298.377 0
★Malawi 296.127 0
★Cipro 287.816 69.463
★Venezuela 250.000 0
★Afghanistan 240.000 0
★Palestina 213.989 43.880
★Lussemburgo 213.236 57.339
★Laos 184.387 58.315
★Costa d'Avorio 183.301 0
★Guatemala 176.102 1.950
★Moldavia 160.476 20.302
★Togo 160.000 0
★Islanda 157.230 42.301
★Guinea 145.763 49.852
★Paraguay 143.441 12.428
★Sudan 140.227 0
★Giamaica 135.473 0
★Nicaragua 135.130 0
★Seychelles 127.721 59.676
★Guyana 126.800 2.800
★Somalia 117.567 0
★Mauritius 117.323 0
★Macao 110.952 38.213
★Bosnia ed Erzegovina 106.464 23.204
★Curacao 105.720 30.165
★Montenegro 85.316 27.745
★Jersey 85.101 32.251
★Aruba 78.983 23.824
★Guinea Equatoriale 75.518 10.872
★Barbados 75.006 0
★Isola di Man 75.005 15.799
★Algeria 75.000 0
★Macedonia del Nord 74.076 0
★Taiwan 73.988 0
★Gibilterra 71.114 33.611
★Isole Cayman 65.694 29.920
★Sierra Leone 61.107 6.024
★Zambia 58.982 0
★Honduras 57.639 2.639
★Mozambico 57.305 0
★Figi 56.000 0
★Bermuda 55.904 23.775
★Trinidad e Tobago 55.547 288
★Mali 49.903 0
★Botswana 49.882 0
★Guernsey 46.587 13.618
★Georgia 45.338 0
★Belize 44.548 0
★Suriname 41.287 82
★Swaziland 34.897 0
★San Marino 30.964 9.792
★Antigua e Barbuda 29.754 0
★Andorra 28.881 4.699
★Kirghizistan 27.858 858
★Dominica 27.821 9.323
★Bahamas 25.692 0
★Turks and Caicos Islands 25.039 10.000
★Saint Lucia 24.653 0
★Monaco 24.390 11.632
★Kosovo 22.096 0
★Gambia 20.922 0
★Isole Faroe 20.238 5.780
★Namibia 20.005 1.168
★Lesotho 16.000 0
★Grenada 15.397 2.731
★Saint Vincent e Grenadine 14.526 0
★Congo 14.297 0
★Groenlandia 14.177 5.277
★Saint Kitts and Nevis 13.070 127
★Liechtenstein 12.998 4.183
★Brunei 10.715 0
★Gibuti 10.246 0
★Sao Tome and Principe 9.724 0
★Gabon 8.897 2.002
★Samoa 7.435 0
★Mauritania 7.038 0
★Anguilla 6.898 783
★Tonga 5.367 0
★Isole Salomone 4.890 0
★S.Elena Ascensione e Tristan da Cunha 4.572 1.009
★Isole Falkland 4.407 1.775
★Papua Nuova Guinea 2.900 0
★Timor 2.629 0
★Siria 2.500 0
★Cape Verde 2.184 0
★Montserrat 1.909 616
★Repubblica Democratica del Congo 1.700 0
★Niger 1.366 0
★South Sudan 947 0
★Libia 750 0
★Nauru 700 0
★Armenia 565 0
★Camerun 400 0
Totali Dosi Somministrate 1.212.154.525 290.506.762

Maggio 2021

Situazione Italia al 06/05/2021

Maggio 2021

Deceduti: 1456

Dati Giornalieri  Incrementi Giornalieri

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

01/05/2021

430542

121033

3484042

4035617

-5728

+226

+18466

+12964

-37

02/05/2021

430906

121177

3492679

4044762

+364

+144

+8637

+9145

-82

03/05/2021

423558

121433

3505717

4050708

-7348

+256

+13038

+5946

+112

04/05/2021

413889

121738

3524194

4059821

-9669

+305

+18477

+9113

+49

05/05/2021

407129

122005

3541266

4070400

-6760

+267

+17072

+10579

-38

06/05/2021

402802

122263

3557133

4082198

-4327

+258

+15867

+11798

-9

Data

Positivi

Deceduti

Guariti

Totali

Incrementi Giornalieri Positivi Incrementi Giornalieri Deceduti

Incrementi Giornalieri Guariti

Incrementi Giornalieri Totali

Incrementi Giornalieri Deceduti Rispetto al Giorno Prima

Situazione Regioni

Situazione Regioni al 06/05/2021

 

  Deceduti Deceduti Deceduti
  Situazione Situazione Totali
Regioni Precedente Attuale Settimanali
  al 03/05/21 al 06/05/21 830
★Lazio 7.721 7.835 114
★Lombardia 32.973 33.081 108
★Campania 6.446 6.548 102
★Toscana 6.248 6.341 93
★Puglia 5.964 6.037 73
★Sicilia 5.443 5.516 73
★Piemonte 11.302 11.370 68
★Emilia Romagna 12.916 12.976 60
★Veneto 11.369 11.404 35
★Liguria 4.200 4.227 27
★Calabria 1.035 1.056 21
★Marche 2.945 2.957 12
★Sardegna 1.393 1.405 12
★Friuli Venezia Giulia 3.717 3.726 9
★Abruzzo 2.415 2.422 7
★Bolzano 1.162 1.167 5
★Basilicata 540 544 4
★Umbria 1.361 1.365 4
★Valle d'Aosta 459 461 2
★Molise 478 479 1
★Trento 1.346 1.346 0
Totali 121.433 122.263 830

Situazione Mondiale

  

Situazione Mondiale al 06/05/2021

 

  Deceduti Deceduti  
  Situazione Situazione Totali
Stati Precedente Attuale Reali
  3.222.712 3.264.327 41.615
  al 03/05/21 al 06/05/21  
★India 221.666 233.921 12.255
★Brasile 407.775 414.645 6.870
★Stati Uniti 591.177 593.369 2.192
★Argentina 64.252 65.865 1.613
★Colombia 74.700 76.015 1.315
★Russia 111.198 112.246 1.048
★Iran 72.875 73.906 1.031
★Turchia 41.191 42.187 996
★Polonia 68.105 68.993 888
★Perù 62.126 62.976 850
★Italia 121.433 122.263 830
★Messico 217.233 218.007 774
★Germania 83.979 84.735 756
★Francia 105.130 105.850 720
★Ucraina 44.750 45.451 701
★Indonesia 45.949 46.496 547
★Filippine 17.525 17.991 466
★Spagna 78.293 78.726 433
★Ungheria 27.908 28.297 389
★Pakistan 18.149 18.537 388
★Romania 28.380 28.710 330
★Bulgaria 16.492 16.773 281
★Grecia 10.587 10.847 260
★Tunisia 10.868 11.122 254
★Ecuador 18.765 19.018 253
★Chile 26.659 26.895 236
★Paraguay 6.572 6.798 226
★Bosnia Erzegovina 8.551 8.762 211
★Uruguay 2.724 2.918 194
★Egitto 13.469 13.655 186
★Nepal 3.362 3.529 167
★Canada 24.320 24.484 164
★Giappone 10.361 10.517 156
★Repubblica Ceca 29.365 29.521 156
★Bangladesh 11.644 11.796 152
★Sud Africa 54.417 54.557 140
★Croazia 7.218 7.355 137
★Belgio 24.291 24.406 115
★Slovacchia 11.807 11.920 113
★Svezia 14.048 14.158 110
★Iraq 15.566 15.673 107
★Honduras 5.334 5.439 105
★Bolivia 13.021 13.123 102
★Kazakhstan 3.733 3.833 100
★Ethiopia 3.726 3.822 96
★Costa Rica 3.231 3.326 95
★Giordania 8.925 9.014 89
★Guatemala 7.558 7.642 84
★Macedonia del Nord 4.961 5.042 81
★Olanda 17.189 17.269 80
★Azerbaijan 4.561 4.635 74
★Austria 10.260 10.333 73
★Libano 7.345 7.415 70
★Kenya 2.781 2.850 69
★Serbia 6.432 6.499 67
★Georgia 4.163 4.227 64
★Moldavia 5.850 5.912 62
★Thailand 276 336 60
★Malaysia 1.551 1.610 59
★Venezuela 2.172 2.226 54
★Svizzera 10.648 10.694 46
★Lithuania 3.956 4.000 44
★Regno Unito 127.539 127.583 44
★Armenia 4.149 4.192 43
★Palestina 3.283 3.326 43
★Arabia Saudita 6.992 7.032 40
★Sri Lanka 696 734 38
★Kuwait 1.578 1.610 32
★Somalia 713 745 32
★Yemen 1.233 1.265 32
★Afghanistan 2.642 2.673 31
★Namibia 643 674 31
★Bielorussia 2.572 2.602 30
★Oman 2.053 2.083 30
★Algeria 3.280 3.307 27
★Cuba 675 701 26
★Lettonia 2.154 2.178 24
★Mongolia 119 142 23
★Botswana 712 734 22
★Siria 1.603 1.625 22
★Kyrgyzstan 1.622 1.640 18
★Madagascar 677 695 18
★Corea del Sud 1.834 1.851 17
★Marocco 9.032 9.049 17
★Angola 602 618 16
★Sudan 2.349 2.365 16
★Estonia 1.172 1.187 15
★Irlanda 4.906 4.921 15
★Repubblica Dominicana 3.499 3.514 15
★Trinidad e Tobago 174 189 15
★Cipro 313 327 14
★Panama 6.238 6.252 14
★Bahrain 651 664 13
★Quatar 480 493 13
★Slovenia 4.269 4.282 13
★Guadalupe 198 210 12
★Libya 3.047 3.059 12
★Montenegro 1.510 1.521 11
★Portogallo 16.977 16.988 11
★Norvegia 757 767 10
★El Salvador 2.134 2.143 9
★Guyana 299 308 9
★Haiti 254 263 9
★Cambodia 106 114 8
★Emirati Arabi Uniti 1.596 1.604 8
★Jamaica 790 798 8
★Martinique 75 83 8
★Albania 2.399 2.406 7
★Capo Verde 223 229 6
★Papua New Guinea 115 121 6
★Costa d'Avorio 286 291 5
★Senegal 1.111 1.116 5
★Suriname 207 212 5
★Burkina Faso 157 161 4
★Finlandia 915 919 4
★Ghana 779 783 4
★Malawi 1.148 1.152 4
★Mali 489 493 4
★Monzambico 815 819 4
★Uzbekistan 653 657 4
★Zimbabwe 1.570 1.574 4
★Central African Republic 88 91 3
★Congo 144 147 3
★Danimarca 2.490 2.493 3
★Israele 6.367 6.370 3
★Maldive 74 77 3
★Uganda 342 345 3
★Zambia 1.253 1.256 3
★Bahamas 209 211 2
★Curacao 111 113 2
★Dijbuti 146 148 2
★Guinea 146 148 2
★Nigeria 2.063 2.065 2
★Repubblica Democratica del Congo 768 770 2
★Reunion 148 150 2
★Aruba 99 100 1
★Barbados 44 45 1
★Benin 99 100 1
★Gabon 139 140 1
★Lesotho 318 319 1
★Lussemburgo 800 801 1
★Mauritania 455 456 1
★Myanmar 3.209 3.210 1
★Nicaragua 182 183 1
★Niger 191 192 1
★Rwanda 337 338 1
★Saint Lucia 74 75 1
★Andorra 127 127 0
★Antigua and Barbuda 32 32 0
★Australia 910 910 0
★Belize 323 323 0
★Bermuda 30 30 0
★Camerun 1.107 1.107 0
★Chad 170 170 0
★Channel Islands 86 86 0
★Cina 4.636 4.636 0
★Comoros 146 146 0
★Equatorial Guinea 112 112 0
★Eswatini 671 671 0
★Gambia 175 175 0
★Gibraltar 94 94 0
★Guiana Francese 104 104 0
★Guinea-Bissau 67 67 0
★Hong Kong 210 210 0
★Kosovo 1.332 1.332 0
★Liberia 85 85 0
★Liechtenstein 57 57 0
★Malta 416 416 0
★Mayotte 170 170 0
★Monaco 32 32 0
★Polinesya Francese 141 141 0
★San Marino 90 90 0
★Sao Tomè and Principe 35 35 0
★Sierra Leone 79 79 0
★Singapore 31 31 0
★South Sudan 115 115 0
★Tajikistan 90 90 0
★Togo 123 123 0
★Vietnam 35 35 0
Totali senza inferiori a 30 3.223.744 3.265.355 41.611

venerdì 30 aprile 2021

Green Pass per muoversi nell’Unione europea: quando partirà e come funzionerà.

Visualizza immagine di origine

Pass, ci siamo. Da quando? Il sistema europeo che consentirà di emettere i Certificati Verdi Digitali, o Green Pass, validi in tutta l'Ue sarà "tecnicamente operativo" il primo giugno prossimo. A spiegare come funzionerà all’Adnkronos è un alto funzionario Ue, a Bruxelles, in vista dell'avvio dei negoziati interistituzionali tra Parlamento e Consiglio proprio su questo tema e che dovrebbero iniziare la prossima settimana. ***Iscriviti alla Newsletter Speciale coronavirus  I Paesi coinvolti nella prima fase L'attuazione pratica del certificato dipenderà dai negoziati tra Parlamento Europeo e Consiglio, ma l'obiettivo è di concluderli e di avere il regolamento in vigore entro "fine giugno". A quel punto, una volta adottato il regolamento, il Green Pass non sarà "un optional", bensì "un diritto" di ogni cittadino dell'Ue, per legge. Un primo grande gruppo di Paesi (Francia, Malta, Olanda, Lussemburgo, Estonia, Svezia, Croazia, Bulgaria, Spagna, Italia, Lituania, Germania, Repubblica Ceca, Austria, Islanda e Grecia) inizierà la fase di test "verso il 10 maggio".  Seconda fase Un secondo gruppo (Lettonia, Romania, Cipro, Irlanda, Portogallo, Polonia, Danimarca e Slovenia) avvierà i test "verso fine maggio", mentre altri cinque (Ungheria, Belgio, Norvegia, Liechtenstein e Slovacchia) hanno deciso di non partecipare ai test e di connettersi alla piattaforma direttamente in fase di attuazione. Come funziona Il certificato attesterà, attraverso una app dotata di codice Qr oppure in formato cartaceo, l'avvenuta vaccinazione contro la Covid-19 e il numero di dosi ricevuto, l'avvenuta guarigione dalla Covid nei precedenti sei mesi e la presenza dei relativi anticorpi (mediante test), oppure l'esito negativo di un tampone, Pcr o rapido (i dettagli tecnici su questo verrano negoziati dai colegislatori). Starà ad ogni Stato membro, poi, stabilire i requisiti di ingresso nel proprio territorio: si tratta di competenze esclusivamente nazionali e l'Ue non può imporre nulla in questo campo. Può solo raccomandare. [[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Pasquale Stanzione: «Troppo esteso l’ambito d’uso, cambiare la norma»]] Niente bacchetta magica Il Pass non sarà la bacchetta magica che risolve tutto, ma dovrebbe facilitare gli spostamenti in Europa, rispetto alla situazione attuale in cui sono ancora molto difficili: «Se oggi qualcuno dal Belgio volesse andare a trovare un parente in Italia per tre giorni, dovrebbe fare cinque giorni di quarantena, in Italia», ricorda l'alto funzionario. Dovrebbe poi «riempire quattro moduli, fare un test Pcr e poi farne un altro per stare in Italia tre giorni. E, quando torna in Belgio, dovrebbe fare altri sette giorni di quarantena, con due test Pcr. In tutto quattro test Pcr, 11 giorni di quarantena, con la polizia che viene a suonare al citofono, per andare a trovare una persona per tre giorni in un altro Stato membro. Questa è la situazione oggi e non va dimenticato». Con il Green Pass, o Certificato Verde Digitale, «avremo un sistema sicuro, che rispetta la privacy, che dimostra che si è vaccinati, tamponati eccetera». Naturalmente i requisiti per viaggiare dipenderanno «dagli Stati membri e dalla situazione epidemiologica» a fine giugno. «Questa parte non tocca al sistema tecnico, che comunque verrà sincronizzato con il regolamento. Al momento in cui il regolamento entrerà in vigore, il sistema sarà operativo. E poi - conclude la fonte - c'è un percorso da fare con gli Stati membri per armonizzare i requisiti per viaggiare».

lunedì 19 aprile 2021

Tampone fai da te, il kit arriva nei supermercati.

Un test rapido per l’autodiagnosi del coronavirus sarà in commercio a partire dalla prima settimana di maggio. Ogni singolo kit per il tampone fai da te costerà circa 6-8 euro e potrà essere acquistato nei supermercati, nei negozi e nelle attività commerciali che decideranno di distribuirlo. Replicando così il modello di vendita che consente ormai di trovare le mascherine oltre che in farmacia, anche, per esempio, nei supermercati, in cartoleria, così come nei negozi di ferramenta. La possibilità di effettuare un test antigenico rapido a casa, senza andare in farmacia, rappresenta un altro tassello, naturalmente restano cruciali la campagna di vaccinazione e l’adozione di comportamenti responsabili, del percorso che con la dovuta cautela porterà al ritorno della socialità.

Un fattore ulteriore, insomma, per assicurarsi di poter uscire, andare a scuola o frequentare familiari o amici, basandosi su un test rapido che finora era possibile effettuare solo in farmacia o dopo avere acquistato uno dei kit fai da te che si trovano in vendita online. Il fatto di poterlo vendere nello scaffale di un negozio, in autogrill o al banco di un bar potrebbe agevolarne la diffusione.

Inserito nell’elenco dei dispositivi medici del ministero

Il brevetto del prodotto è di Xiamen Boson Biotech (una società cinese) e a distribuirlo in Europa è il gruppo austriaco Technomed, che ha ottenuto la certificazione CE e ha già avviato la commercializzazione in vari mercati europei. Nei giorni scorsi il prodotto è stato inserito nell’elenco dei dispositivi medici del ministero della Salute, una classificazione che a differenza dei farmaci ne consente la vendita ovunque.

Come funziona il tampone fai da te

Il test per l’autodiagnosi a casa si effettua tramite un tampone nella regione nasale e dopo circa 15 minuti rileva le eventuali mutazioni del virus attualmente note. Il kit antigenico rapido da scaffale non ha l’affidabilità di un test molecolare, ma è uno strumento ulteriore di diagnosi per lo screening di massa che permette con attendibilità di individuare le persone positive al Covid, anche in assenza di sintomi.

Si potrà fare a casa

Per effettuare il test da soli occorrerà un po’ di perizia, seguendo con attenzione le istruzioni sull’utilizzo del tampone e della fiala con soluzione di estrazione. «Siamo orgogliosi di poter fornire a tutta l’Europa il test per l’autodiagnosi Boson, un prodotto di qualità per contenere e combattere la pandemia», spiega Moritz Bubik, amministratore delegato di Technomed. All’inizio dell’emergenza sanitaria vale ricordare la penuria di tamponi e quanto fossero introvabili, lo stesso è capitato con le mascherine. Prima merce rara, mentre oggi sono reperibili ovunque. Precedenti che lasciano spazio all’ottimismo di poter disporre a breve di una sovrabbondanza di vaccini anti Covid.

domenica 11 aprile 2021

Situazione Colori Covid Zone Italia 12 Aprile 2021

Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone, persone in piedi e testo

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato le ordinanze sui nuovi colori delle regioni in vigore da lunedì 12 aprile. L’Italia diventa per la maggior parte arancione, con 4 regioni in zona rossa: rimangono nella fascia più alta di rischio Campania, Puglia e Valle d’Aosta, a cui si aggiunge la SardegnaPassano in arancione Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Toscana. Ecco le restrizioni regione per regione e le ordinanze locali

Nelle zone arancioni, a differenza che in quelle rosse, dalle 5 alle 22 ci si può muovere liberamente all’interno del comune e riaprono negozi, parrucchieri e centri estetici. Inoltre tornano a scuola anche gli alunni di seconda e terza media, mentre quelli delle superiori sono in presenza - a rotazione - per almeno il 50% e fino a un massimo del 75%. Sono permesse le visite all’interno del comune a una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno tra le 5 e le 22, in massimo 2 persone (oltre a under 14 e persone disabili o non autosufficienti)

Alcune regioni avrebbero i numeri da fascia gialla, ma le zone gialle sono state escluse per decreto fino al 30 aprile.

 

sabato 27 marzo 2021

Dpcm Draghi, seconde case, spostamenti, fine settimana: le regole e i divieti.

L’ Italia chiusa per un altro mese.

Il monitoraggio

L’Istituto superiore di sanità sottolinea nel monitoraggio settimanale che «il numero complessivo di persone ricoverate in terapia intensiva è ancora in aumento con un tasso di occupazione a livello nazionale sopra la soglia critica e analogo è l’andamento per le aree mediche». Per questo suggerisce di «mantenere rigorose misure di mitigazione nazionali accompagnati da puntuali interventi di mitigazione/contenimento nelle aree a maggiore diffusione», dunque lockdown locali che possano fermare i contagi provocati dalle varianti del virus. Il monito è chiaro: «È fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile».

I nuovi colori

Secondo le indicazioni della Salute da lunedì passano in fascia rossa Calabria, Toscana e Val d’Aosta e si aggiungono a Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Marche, provincia autonoma di Trento, Piemonte, Puglia e Veneto. Torna invece in fascia arancione il Lazio con Abruzzo, Basilicata, Liguria, Molise, provincia autonoma di Bolzano, Sardegna, Sicilia e Umbria. Il cambio per il Lazio scatterà martedì, alla scadenza della precedente ordinanza.

Bar e ristoranti

Ministri e governatori del centrodestra insistono per far ripartire alcune attività, ma la decisione del governo è far rimanere l’Italia in arancione e rosso per un altro mese. Non è passata, almeno per il momento, l’ipotesi di riaprire nelle zone di minor contagio bar e ristoranti a pranzo anche se fino alle 15 o alle 16 in modo da evitare gli incontri per l’aperitivo. Non è esclusa una «correzione» dopo due settimane se la curva epidemiologica dovesse scendere in maniera significativa, ma con la campagna vaccinale ancora in affanno adesso si è deciso di far prevalere il rigore.

I fine settimana

Una stretta che potrebbe essere ancora più energica nel fine settimana del 25 aprile e del 1° maggio. Per evitare gli spostamenti tutta Italia dovrebbe tornare in zona rossa.

I confini regionali

Prorogato anche il divieto di spostamento tra le regioni. Si potranno varcare i confini soltanto per «comprovate esigenze» — motivi di lavoro, salute e urgenza — con l’autocertificazione

Covid e regole

Le seconde case

Rimane invece la possibilità di andare nelle seconde case anche se si trovano nelle regioni in fascia rossa, soltanto un nucleo familiare e a condizione che non ci siano altre persone. Alcuni governatori — Toscana, Valle d’Aosta, Puglia, Alto Adige e Campania — hanno però deciso di impedire i trasferimenti e hanno firmato ordinanze che vietano l’ingresso a chi ha una seconda abitazione.

Sport e spettacoli

Si allontana la possibilità di far ripartire le attività sportive nelle piscine e nelle palestre e slitta la scadenza fissata al 27 marzo per riaprire i cinema e i teatri. Chiusi anche musei e mostre.

I ristori

Per questo il ministro Gelmini ha chiesto durante la «cabina di regia» uno scostamento di bilancio che consenta di «concedere i ristori in maniera selettiva a tutte le attività chiuse da molto tempo perché bisogna dare un segnale concreto a queste persone».

domenica 14 marzo 2021

Nuovo decreto: spostamenti, attività aperte, parenti e amici, cosa si può fare in zona rossa e arancione fino al 6 aprile.

Tre settimane di restrizioni dure. Il nuovo decreto è il secondo provvedimento del governo Draghi per contrastare la pandemia di coronavirus. Tutte le misure in vigore, le aperture e le chiusure da lunedì 15 marzo fino a dopo Pasqua. Le regioni cambiano colore lunedì.

La nuova stretta è arrivata, e sarà effettiva tra meno di 48 ore, ovvero da lunedì 15 marzo 2021. Dopo il primo Natale in zona rossa, all'orizzonte si profila la seconda Pasqua blindata per l'Italia. Lo ha deciso ieri il governo di Mario Draghi di fronte all'aumento costante dei contagi e al rischio di saturazione degli ospedali, varando un decreto legge - non un dpcm - le cui misure saranno in vigore da lunedì 15 marzo fino al 6 aprile 2021. Tre settimane di restrizioni dure. E' il secondo provvedimento del governo Draghi per contrastare la pandemia di coronavirus. Ma cosa si potrà fare nelle prossime tre settimane?

Cosa cambia con il nuovo decreto Covid fino al 6 aprile 2021

Che cosa si potrà fare e che cosa no nelle prossime settimane? Cerchiamo di fare chiarezza. Ieri il consiglio dei ministri ha approvato il decreto con tutte le restrizioni dal 15 marzo al 6 aprile 2021. Il fatto che tutte le regioni saranno almeno in zona arancione nei giorni presi in esame dà l'idea dell'impatto che la stretta avrà sulla vita quotidiana degli italiani. Non una novità, dopo un anno complicato. 

C'è sempre il divieto di spostamento tra le regioni, a meno di motivi di lavoro, salute e urgenza, con il modulo di autocertificazione da compilare in tal caso.

Permane il coprifuoco dalle ore 22 alle 5 del giorno successivo, tranne che per esigenze lavorative, situazioni di necessità ovvero motivi di salute. "È in ogni caso fortemente raccomandato, per la restante parte della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi".

Le cose da sapere sugli spostamenti in zona arancione:

  • È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori in zona arancione salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute
  • Sono «consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita».
  • È consentito «il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza».
  • Il transito «sui territori in zona arancione è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti ai sensi del decreto».
  • «È vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune».

Le cose da sapere sugli spostamenti in zona rossa:

  • «È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori in zona rossa nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute».
  • Sempre è consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
  • Infine il transito «sui territori in zona rossa è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti ai sensi del presente decreto».

Le visite a parenti e amici in zona rossa e arancione

In zona arancione dal 15 marzo al 2 aprile 2021 e nella giornata del 6 aprile 2021 è consentito, in ambito comunale, lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi.

In zona rossa dal 15 marzo al 2 aprile 2021 e nella giornata del 6 aprile 2021 non è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi.

Negozi, bar e ristoranti in zona rossa e arancione: gli orari

In zona arancione bar e ristoranti sono chiusi. Sempre consentita la consegna a domicilio. Fino alle 22 è consentita la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze per ristoranti, enoteche. Per i bar il solo asporto è possibile fino alle 18,00.

In zona rossa bar e ristoranti sono chiusi. Sempre consentita la consegna a domicilio. Fino alle 22 è consentita la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze per ristoranti, enoteche. Per i bar il solo asporto è possibile fino alle 18,00.

In zona arancione i negozi sono aperti, i centri commerciali sono aperti dal lunedì al venerdì, chiusi invece nei festivi e prefestivi.

In zona rossa sono aperti solo i negozi di generi alimentari e di prima necessità: chiusi negozi di abbigliamento, calzature e gioiellerie. Sempre aperte invece le edicole, i tabaccai, le farmacie.

Parrucchieri e centri estetici aperti in zona arancione, chiusi in zona rossa. In zona arancione e rossa nelle seconde case può andare soltanto il nucleo familiare e solo se la casa non è in quel momento abitata da altre persone. Si deve dimostrare, in caso di controllo, di essere proprietari o affittuari da prima del 14 gennaio di quest'anno.

Lo sport in zona rossa e arancione fino al 6 aprile

In fascia arancione è consentito svolgere l'attività sportiva e motoria all'aperto e nei centri sportivi non al chiuso. Restano sospese le attività di palestre e piscine. Non sono consentiti gli sport di contatto. Consentiti gli eventi e le competizioni, riconosciuti di interesse nazionale dal Coni e dal Cip, riguardanti gli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva. In zona arancione l’attività sportiva non si potrà svolgere al di fuori del proprio Comune di residenza, eccetto che per casi particolari. Da ricordare anche che le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono consentite esclusivamente per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e per le attività riabilitative o terapeutiche, come ricorda lo stesso ministero nell'avviso del 4 marzo 2021

In zona rossa l’attività motoria "è consentita solo in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da altre persone e con obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezioni individuali". Consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all'aperto e in forma individuale. Sono sospese tutte le attività di palestre e piscine anche se svolte nei centri sportivi all’aperto. Sospesi tutti gli eventi e le competizioni organizzati dagli Enti di promozione sportiva, mentre sono consentiti gli eventi e le competizioni sportive riconosciute di rilevanza nazionale dal CONI e dal CIP, che si tengano all’aperto o al chiuso, ma senza pubblico.

Regioni in zona arancione e rossa da lunedì 15 marzo 2021

Da lunedì 15 marzo 2021 entrano in vigore le novità stabilite dal nuovo decreto legge approvato oggi 12 marzo, così come le nuove ordinanze firmate dal ministro della Salute Roberto Speranza che confermando le restrizioni esistenti, ha portato in zona rossa otto regioni e la provincia autonoma di Trento.

  • Zona rossa: Campania e Molise, cui si aggiungono PiemonteLombardiaVenetoTrentino, Friuli Venezia GiuliaEmilia RomagnaMarcheLazio, Puglia
  • Zona arancione: Abruzzo, Umbria, Valle d'AostaLiguriaToscanaCalabriaSicilia, Alto Adige, Basilicata (arancione da martedì 16)
  • Zona bianca: solo la Sardegna.

Pasqua in zona rossa: che cosa si potrà fare 

Nei giorni di Pasqua e Pasquetta e il sabato precedente - 3, 4 e 5 aprile - l'Italia sarà tutta in zona rossa ad eccezione di eventuali regioni in zona bianca (al momento solo la Sardegna lo è). In quei tre giorni sarà comunque possibile effettuare una visita al giorno all'interno della regione, massimo in due adulti con minori di 14 anni o disabili o non autosufficienti conviventi, tra le ore 5 e le 22. Per istituire la zona rossa in una regione con ordinanza del ministro della Salute non si considererà più solo l'Rt (indice di trasmissibilità) superiore a 1,25 nell'ultima rilevazione, ma anche l'incidenza settimanale superiore a 250 casi complessivi su 100 mila abitanti. Il cambio di fascia sarà automatico. Le Regioni arancioni potranno individuare aree da portare in zona rossa, quando l'incidenza supera la soglia dei 250 casi per 100 mila abitanti nella settimana oppure quando si riscontra una presenza di varianti tale da dover prevedere misure più restrittive. Tre settimane di restrizioni pesanti. Le ultime?

Quando serve l'autocertificazione in zona rossa, arancione e gialla

Nelle zone arancioni l’autocertificazione, serve se si ha la necessità di spostarsi in un’altra regione oppure durante la chiusura notturna. In queste regioni però il modulo deve essere compilato anche per gli spostamenti in un Comune diverso da quello in cui si risiede, mentre non è necessario compilarla per muoversi all’interno del proprio Comune tra le 5 e le 22.

Nelle zone rosse l'autocertificazione è sempre richiesta. Sono vietati tutti gli spostamenti anche all'interno del proprio Comune, se non in caso di necessità, per esigenze di lavoro e salute, tutti motivi che dovranno essere comprovati dall'autocertificazione. Restano chiusi i negozi, tranne quelli considerati di prima necessità. Resta la possibilità di spostarsi verso l'abitazione di parenti o amici una volta al giorno, massimo due persone, esclusi disabili a carico e minori di 14 anni. Stop agli spostamenti nella regione e tra regioni diverse, e ovviamente coprifuoco confermato tra le 22 e le 5, salvo comprovati motivi di necessità, lavoro o urgenza da dichiarare nell'autocertificazione. 

In zona gialla (da lunedì nessuna regione in questa fascia) sono vietati tutti gli spostamenti verso una Regione o Provincia Autonoma diversa dalla propria, ad eccezione di quelli dovuti a motivi di lavoro, salute o necessità. Rimane anche in vigore la chiusura notturna dalle 22 alle 5. L’autocertificazione serve quindi se si ha necessità di spostarsi per lavoro, salute o necessità in un’altra regione oppure tra le 22 e le 5 del mattino seguente.

venerdì 5 marzo 2021

Covid, che cos’è l’efficacia dei vaccini (e perché i confronti sono inutili).

(Afp)

Non esistono vaccini di serie A e di serie B, tutti sono efficaci. Questa frase l’abbiamo sentita tutti più volte. «Tutti i prodotti utilizzati in Lombardia sono di eguale efficacia e sicurezza» ha affermato il Governatore lombardo Attilio Fontana. E, sul fronte scientifico, il biologo Enrico Bucci: «Tutti i vaccini sono in grado di tagliare in maniera massiccia sia le morti causate dalla malattia, sia i casi di malattia grave» ha detto a Titolo V su Rai3. Che cosa significa?

Efficacia al 95%

I vaccini Pfizer e Moderna basati sull’mRna (Rna messaggero) hanno dimostrato di avere un’efficacia del 94-95% nel prevenire la malattia con sintomi. Verrebbe da pensare che 95 persone su 100 a cui verrà somministrato saranno protette. Ma non è così. Se vaccinassimo una popolazione di 100mila persone e ne proteggessimo il 95%, rimarrebbero 5mila individui malati nell’arco di 3 mesi. Piuttosto, un’efficacia del vaccino del 95% significa che, invece di mille casi di Covid in una popolazione di 100mila senza vaccino (dal braccio placebo degli studi su Pfizer e Moderna circa l’1% si ammalerebbe di e il 99% no), ci aspetteremmo 50 casi.

Riduzione relativa del rischio

Si tratta di un calcolo della riduzione del rischio in termini relativi (RRR, riduzione relativa del rischio), ovvero — come ha spiegato Martina Patone in un articolo pubblicato sul — «la percentuale di rischio esistente in partenza che viene cancellata dopo la somministrazione del vaccino. Nel caso del vaccino Pfizer-BioNTech il rischio di sviluppare Covid senza vaccinazione (0,925%), viene ridotto del 95% e arriva a 0,046% grazie alla somministrazione del vaccino». Per avere un termine di paragone: zero per cento significa che le persone vaccinate sono a rischio tanto quanto quelle che hanno ricevuto il placebo; cento per cento significa che il rischio è stato completamente eliminato dal vaccino.

I limiti del campione

«È essenziale ricordarci che quel 95% non è il valore della reale efficacia del vaccino, ma solo una sua stima, quella osservata con i dati a nostra disposizione, ed è soggetta a diverse fonti di incertezza — prosegue Patone —. È infatti importante ragionare sul fatto che non tutta la popolazione mondiale è stata oggetto di studio, ma solo un campione. Per esempio, il numero di casi positivi sintomatici è casuale ed è soggetto a diversi fattori, come la risposta immunitaria individuale al virus, o alle diverse occasioni in cui il partecipante è esposto a situazioni di rischio. Alcune fasce d’età sono state omesse, per esempio i più giovani di 16 anni e non si è tenuto conto di tutte le possibili malattie croniche che potrebbero interferire con la protezione del vaccino».

Il vaccino Johnson & Johnson

Il 28 febbraio la Food and drug administration (Fda) ha approvato l’uso in emergenza del vaccino Johnson & Johnson negli Stati Uniti (l’Ema potrebbe dare il via libera l’11 marzo). Nello studio clinico su 45mila volontari l’efficacia del vaccino è risultata del 72%. Ma nel braccio del trial svolto in Sudafrica il dato è sceso al 64% per la presenza della variante B.1.351 (“sudafricana”). L’efficacia contro i casi gravi di Covid è però dell’85%: un dato importante, perché significa che il vaccino può impedire molti ricoveri e decessi. Nel 2020 ha fissato un obiettivo minimo per i vaccini anti-Covid: efficacia al 50%, simile a quella offerta dall’antinfluenzale. Tutti i vaccini che stiamo utilizzando per tentare di fermare la pandemia superano ampiamente tale soglia.

Alta efficacia contro forme più gravi

I vaccini (in Europa sono approvati Pfizer, Moderna e AstraZeneca; negli Usa Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson) hanno mostrato livelli di efficacia differenti negli studi clinici. Ma fare paragoni è complicato. Per esempio perché i vaccini sono stati testati su diversi gruppi di persone, in diverse fasi della pandemia. Inoltre, la loro efficacia è stata misurata in modi specifici: quella di Johnson & Johnson (approvato al momento solo negli Usa) è stata misurata 28 giorni dopo una singola dose, mentre quella di Moderna è stata misurata 14 giorni dopo una seconda dose. È però chiaro che tutti i vaccini autorizzati negli Stati Uniti e in Europa — prodotti da Johnson & Johnson, Moderna, AstraZeneca e Pfizer/BioNTech — riducono notevolmente il rischio di prendere Covid. Inoltre, tutti sembrano avere un’alta efficacia contro esiti più gravi, come l’ospedalizzazione e la morte.

I risultati sulla popolazione reale

Una volta che i vaccini sono approvati, gli scienziati misurano l’efficacia sulla popolazione reale: quanto il vaccino riduce il rischio di malattia in milioni di persone, piuttosto che migliaia. I primi studi confermano che tutti i vaccini anti-Covid forniscono una forte protezione. Nei prossimi mesi bisognerà vedere se diventano meno efficaci, perché l’immunità del vaccino diminuisce o perché emerge una nuova variante. In entrambi i casi, potranno essere sviluppati dei nuovi vaccini.